Elezioni, Christian Solinas e il centrodestra conquistano la Regione - DIRETTA

Scrutinate 1.830 sezioni su 1840: Solinas al 48%, Zedda al 33%. Affluenza attestata sul 53,75 per cento, +1,5 rispetto al 2014. I dati sullo spoglio arrivano aggregati in base alla dimensione dei Comuni - I VOTI LISTA PER LISTA

Ore 19.46 - Solinas: oggi ha vinto la Sardegna. «Oggi ha vinto la Sardegna, ringrazio i sardi della fiducia. Non ho mai visto un testa a testa, che non rispondeva al vero, 14 punti di vantaggio rappresentano un dato incontrovertibile», queste le prime parole del governatore in pectore della Sardegna, Christian Solinas. «Girando la Sardegna in lungo e in largo ho incontrato tantissime persone, riscontrando la netta percezione di voglia di cambiamento e i sardi ci hanno premiato. Il mio primo pensiero va alla gente comune, ai sardi che quotidianamente gioiscono e soffrono. Il centrodestra unito rappresenta una formula politica vincente con le forze autonomiste e sardiste».

Elezioni, Solinas: "Con me ha vinto la Sardegna" Cagliari. Il governatore in pectore Christian Solinas ha salutato gli elettori e commentato la vittoria sul centrosinistra con 14 punti di distacco. Solinas ha sottolineato che non c'è stato un vero momento in cui questa vittoria sia stata dubbia e ha parlato della sua campagna elettorale in giro per la Sardegna, fra la gente, a raccogliere problemi e istanzeLEGGI ANCHE Solinas irraggiungibile per Zeddavideo di Mario Rosas

Ore 19.15 - Maninchedda: il risultato non è soddisfacente. «Prendo atto del risultato elettorale tutt'altro che soddisfacente di cui mi assumo interamente la responsabilità. Il trend dello spoglio sembra comunque attestare il Partito su risultati significativi in valore assoluto che sarebbe un errore sprecare e non valorizzare». Lo dice il candidato presidente alle regionali sarde per il Partito dei Sardi, Paolo Maninchedda, commentando l'esito del voto sulle regionali, quando lo scrutinio è arrivato circa al 70% e il PdS si è attestato attualmente al 3,3%. «Il voto per schieramenti ha evidentemente schiacciato la valutazione della qualità delle proposte. Continuerò a lavorare come intellettuale per la costruzione di un grande partito indipendentista e per cambiare l'informazione e la formazione della gente sarda in modo da sottrarre ogni persona a qualsiasi manipolazione». Se il risultato sarà confermato al termine dello scrutinio, il Partito dei Sardi non riuscirà a ottenere nemmeno un seggio, non superando lo sbarramento del 5%

Ore 18.40 - Zedda: la vittoria è del centrodestra. "Il risultato dà la vittoria al centrodestra. Ho provato a chiamare Christian Solinas e gli ho già mandato un messaggio per augurargli buon lavoro". Così Massimo Zedda in conferenza stampa commenta la sua sconfitta alle elezioni regionali in Sardegna.

Elezioni Sardegna 2019, Zedda: "Vince il centrodestra, il Movimento 5 Stelle è battuto" Cagliari. In Sardegna vince il centrodestra, ma il candidato del centrosinistra, Massimo Zedda, sindaco di Cagliari, sottolinea che a, settembre 2018 quando ha accettato la candidatura, il centrosinistra era a rischio frantumazione e non era sicuro neppure il terzo posto. Oggi invece la coalizione ha superato il Movimento 5 Stelle, è al secondo posto, un risultato che va in controtendenza. Nei prossimi giorni Zedda valuterà se restare sindaco di Cagliari o andare in consiglio regionaleLEGGI ANCHE Solinas irraggiungibile - DIRETTAvideo di Mario Rosas

Ore 18.15 - sezioni scrutinate 1098, Solinas sempre sopra il 47%. Ormai la vittoria di Solinas è delineata. Dopo che sono state scrutinate 1098 sezioni su su 1840, Solinas è infatti attestato al 47,7 per cento mentre Zedda ormai non può più raggiungerlo con 33,1 e oltre sessanta mila voti di scarto, terzo il candidato di Cinquestelle DEsogus all'11,3.

Ore 16.45 - 702 sezioni, Solinas è al 48,2%. Sono 720 le sezioni scrutinate in Sardegna. Ecco i dati. Christian Solinas (centrodestra) in vantaggio con il 48,2%. Secondo Massimo Zedda (Centrosinistra) al 32,9%, e Francesco Desogus (M5s) con l'11,1%. Seguono Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 3,2%, Mauro Pili (Sardi Liberi) con il 2,2%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,9% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,64%

leggi anche:

Ore 15.30 - 577 sezioni, Solinas è al 47,71%. Sono 577 le sezioni scrutinate in Sardegna. Ecco i dati diffusi dalla Regione: Christian Solinas (centrodestra) in vantaggio con il 47,71%. Secondo Massimo Zedda (Centrosinistra) al 33,65%, e Francesco Desogus (M5s) con il 10,92%. Seguono Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 3,04%, Mauro Pili (Sardi Liberi) con il 2,29%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,72% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,64%.

Ore 15.20 - Desogus: "Percorso in salita". «Una legge regionale per noi difficile, ma soprattutto siamo partiti da zero senza tutte quelle liste che sostenevano centrodestra e centrosinistra. Sapevamo fin dall'inizio che sarebbe stato un percorso in salita. Le frizioni con la Lega al governo? Penso che abbiano pesato poco o niente. I competitor erano strutturati, a destra e a sinistra, per mantenere il potere. Noi proponevamo altro». Lo ha detto il candidato governatore del M5s Francesco Desogus, commentando i primi risultati del voto in Sardegna.

leggi anche:

Ore 15.15 - 409 sezioni, Solinas sale al 48,79%. Sono 409 le sezioni scrutinate in Sardegna. Ecco i dati diffusi dalla Regione: Christian Solinas (centrodestra) in vantaggio con il 48,79%. Secondo Massimo Zedda (Centrosinistra) al 32,84%, e Francesco Desogus (M5s) con il 10,79%. Seguono Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 2,77%, Mauro Pili (Sardi Liberi) con il 2,45%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,68% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,64%.

Ore 15 - Desogus (M5S) convoca una conferenza stampa. Il candidato alla presidenza della Regione per il Movimento 5 Stelle Francesco Desogus commenterà l’esito del voto nel corso di una conferenza stampa che si terrà a partire dalle 18 presso la sala stampa della Regione, in viale Trento a Cagliari.

Ore 14.30 - 327 sezioni: Solinas al 47,3%. Sono 327 le sezioni scrutinate in Sardegna. I dati sono stati diffusi dalla Regione: Christian Solinas (centrodestra) è in vantaggio con il 47,3%. Poi Massimo Zedda (Centrosinistra) al 33,72%, e Francesco Desogus (M5s) con l'11,22%. Seguono Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 2,81%, Mauro Pili (Sardi Liberi) con il 2,5%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,76% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,67%.

La sede del comitato elettorale del...
La sede del comitato elettorale del centrodestra al T-Hotel di Cagliari (foto Rosas)

Ore 14.20 - Liste, 161 sezioni: Centrodestra al 54%. Dopo sette ore dall'inizio dello spoglio e 161 sezioni scrutinate su 1840 il centrodestra è avanti con il 54,02%, mentre il centrosinistra è al 30,19%. Il Movimento Cinquestelle si ferma, per ora, al 9,13%, il PdS è al 2,87%, Sardi Liberi all'1,67%, Autodeterminatzione all'1,62% e Sinistra Sarda allo 0,43%. Riguardo i singoli partiti il Partito democratico raggiunge il 13,25%, la Lega il 12,54%, Forza Italia il'11,73% e il Partito Sardo d'Azione l'8,72%.

leggi anche:

Ore 14.05 - 223 sezioni: Solinas sempre in testa. Sono 223 su 1840 le sezioni scrutinate in Sardegna per l'elezione del Consiglio regionale, il 12% delle sezioni scrutinate. I dati sono stati diffusi dalla Regione: Christian Solinas (centrodestra) è in vantaggio con il 48,31%. Poi Massimo Zedda (Centrosinistra) al 33,77%, e Francesco Desogus (M5s) con l'10,70%. Seguono Mauro Pili (Sardi Liberi) con il 2,64%, Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 2,51%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,57% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,47%. Le schede bianche sono 611, le nulle 55, mentre quelle con errori e voti nulli sono 1526. Complessivamente circa 85mila voti. Cinquantadue i Comuni su 377 che hanno completamente concluso tutte le operazioni di scrutinio.

Ore 13.40 - Le Monde: 5Stelle in caduta libera. «Il Movimento 5 Stelle in caduta libera in Sardegna»: questo il titolo di un articolo che il quotidiano francese Le Monde consacra oggi all'ultimo scrutinio in Italia. «Dopo 9 mesi al potere - prosegue il giornale riferendosi alla formazione guidata dal vicepremier Luigi Di Maio - il partito antisistema ha perso progressivamente terreno rispetto alla Lega di Matteo Salvini». In particolare, secondo Le Monde, il M5S «sconta la sua impreparazione e le rinunce successive in materia di ambiente o di moralizzazione della vita politica».

leggi anche:

Ore 13.25 - 121 sezioni scrutinate. Christian Solinas (centrodestra) arriva al 48,57% delle preferenze (15.673 voti) quando sono state scrutinate 121 su 1840 sezioni. I dati sono stati diffusi dalla Regione. Seguono Massimo Zedda (Centrosinistra) con il 33,42% (10.784 voti) e Francesco Desogus (M5s) con l'10,57% (3411 voti). Quindi Mauro Pili (Sardi Liberi) con il 2,71% (877 voti), Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 2,40% (776 voti), Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,89% (612 voti) e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,41% (134 voti). Le schede bianche sono 292, le nulle 35, mentre quelle con errori e voti nulli sono 748. Complessivamente si tratta di circa 32.267 voti. Trentatré i Comuni su 377 che hanno completamente concluso tutte le operazioni di scrutinio.

Ore 13.15 - I dati dalla sede del Centrodestra confermano il trend. Continuano ad arrivare nella sede del comitato elettorale di Christian Solinas, attraverso il supporto dei rappresentanti di lista, i responsi dalle 1840 sezioni della Sardegna. I dati confermano il trend che vede in vantaggio il candidato del centrodestra. Significativi quelli di Cagliari e hinterland. In una sezione del quartiere Margine Rosso a Quartu, Solinas sta vincendo con 218 voti contro i 132 di Massimo Zedda (centrosinistra). Quanto all'hinterland, in una sezione di Uta il senatore del Psd'Az ha 233 voti contro i 186 dell'avversario, in un'altra a Gonnosfanadiga totalizza 169 preferenze contro le 104 del sindaco di Cagliari. Infine, a Sedini, provincia di Sassari, Solinas vince 223 a 99.

Ore 13.12 - Preoccupazione nel quartier generale del Centrosinistra. Clima di preoccupata attesa nel quartier generale del centrosinistra all'Hotel Panorama di Cagliari. Dopo i primi sorrisi legati ai risultati che arrivavano dalle sezioni di Cagliari, gli altri risultati hanno raffreddato gli entusiasmi. Staff concentrato sulla raccolta dei voti paese per paese. Il candidato presidente Massimo Zedda, dopo una breve apparizione intorno alle 10.30, attende qualche elemento in più prima di commentare i dati finora pervenuti.

Ore 13.10 - Liste, 51 sezioni: Centrodestra al 53,47%. Quando sono state scrutinate 51 sezioni su 1840 per le liste e le coalizioni è avanti il centrodestra con il 53,47%. La coalizione di centrosinistra raggiunge con il 29,72% e quindi il Movimento Cinquestelle con l'8,23%. Seguono il Partito dei Sardi con il 3,67%, Autodeterminatzione con il 3%, Sardi Liberi con l'1,43% e Sinistra Sarda con lo 0,45%.

leggi anche:

Ore 13.05 - 103 sezioni: Solinas al 49,43%. Resta in vantaggio Christian Solinas (centrodestra) che registra 49,43% delle preferenze quando sono state scrutinate 103 su 1840 sezioni in Sardegna per l'elezione del Consiglio regionale. I dati sono stati diffusi dalla Regione Sardegna. Seguono Massimo Zedda (Centrosinistra) con il 33,11% e da Francesco Desogus (M5s) con l'10,24%. Quindi Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 2,48%, Mauro Pili (Sardi Liberi) con il 2,33%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,97% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,42%. Le schede bianche sono 249, le nulle 15, mentre quelle con errori e voti nulli sono 618. Complessivamente si tratta di circa 25.877 voti. Ventisette i Comuni su 377 che hanno completamente concluso tutte le operazioni di scrutinio.

Ore 12.55 - Di Maio: "Per il Governo non cambia nulla". «Per il governo non cambia nulla». Così il vicepremier Luigi Di Maio commenta fuori da palazzo Chigi le prime indicazioni che arrivano dal voto in Sardegna. «Io non vedo nessun problema», ripete di Di Maio che commenta: «Ovviamente i dati ufficiali non ci sono ancora: ma noi siamo 'positivì perché per la prima volta in Sardegna entriamo con consiglieri regionali».

leggi anche:

Ore 12.40 - Liste, 40 sezioni: Centrodestra al 52,18%. Quando sono state scrutinate 40 sezioni su 1840 per le liste e le coalizioni è avanti il centrodestra con il 52,18%. La coalizione di centrosinistra raggiunge con il 31,4% e quindi il Movimento 5 Stelle con l'8,36%. Seguono il Partito dei Sardi con il 3,82%, Autodeterminatzione con il 2,18%, Sardi Liberi con l'1,49% e Sinistra Sarda con lo 0,44%..

Ore 12.31 - 72 sezioni: Solinas al 47%. Sono 72 su 1840 le sezioni scrutinate in Sardegna per l'elezione del Consiglio regionale, quasi il 5% delle sezioni scrutinate. I dati sono stati diffusi dalla Regione Sardegna: Christian Solinas (centrodestra) è in vantaggio con il 47,53%. Poi Massimo Zedda (Centrosinistra) al 34,82%, e Francesco Desogus (M5s) con l'10,34%. Ventuno i Comuni su 377 che hanno completamente concluso tutte le operazioni di scrutinio.

leggi anche:

Ore 12.20 - Zedda regge a Cagliari, Solinas in testa nell'hinterland. Massimo Zedda regge bene a Cagliari, ma a pochi chilometri dal capoluogo, Christian Solinas è in vantaggio sul sindaco, candidato governatore del centrosinistra. Lo confermano i primi dati che arrivano da Quartucciu, centro alle porte delle città. Secondo le prime informazioni che arrivano al quartier generale del centrosinistra, in viale Diaz a Cagliari, nella maggior parte delle sezioni monitorate dai rappresentanti è in testa il candidato del centrodestra.

Ore 12.10 - Desogus (M5S) è tornato al lavoro in biblioteca. Il candidato presidente del Movimento 5 stelle Francesco Desogus è tornato questa mattina al lavoro alla Biblioteca di Monte Claro a Cagliari. Per il momento nessun commento sui primi dati sul voto delle regionali che lo vedono nettamente staccato rispetto a Christian Solinas del centrodestra, in vantaggio, e Massimo Zedda del centrosinistra. Desogus comunque parlerà in una conferenza stampa nel primo pomeriggio.

Ore 12 - Liste, 23 sezioni: centrodestra al 52 per cento. Quando sono state scrutinate 23 sezioni su 1840 per le liste e le coalizioni che si sono sfidate alle regionali della Sardegna è avanti il centrodestra con il 52,47%, segue il centrosinistra con il 30,34% e quindi il Movimento Cinquestelle con l'9,36%. Seguono il Partito dei Sardi con il 3,82%, Sardi Liberi con il 1,92%, Autodeterminatzione con lo 1,51% e Sinistra Sarda con lo 0,55%.

leggi anche:

Ore 11.55 - 44 sezioni: Solinas 49%, Zedda 32%. Sono 44 su 1840 le sezioni scrutinate in Sardegna per l'elezione del Consiglio regionale. I dati sono stati diffusi dalla Regione Sardegna: Christian Solinas (centrodestra) è in vantaggio con il 49,25%. Poi Massimo Zedda (Centrosinistra) al 32,28%, e Francesco Desogus (M5s) con l'11,01%. Seguono Mauro Pili (Sardi Liberi) al 3,08, Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 2,26%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,61% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,48%. Complessivamente circa 10.571 voti.

Ore 11.50 - 28 sezioni, Solinas al 47 per cento. Sono 28 su 1840 le sezioni scrutinate in Sardegna per l'elezione del Consiglio regionale. I dati sono stati diffusi dalla Regione Sardegna: Christian Solinas (centrodestra) è in vantaggio con il 47,33%. Poi Massimo Zedda (Centrosinistra) al 34,98%, e Francesco Desogus (M5s) con l'10,50%. Seguono Mauro Pili (Sardi Liberi) e Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) con il 2,56%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,58% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,46%. Complessivamente circa 5mila voti.

Ore 11.35 - Cicu: "Solinas più avanti rispetto agli exit poll". «Credo che il divario non sarà quello indicato dagli exit poll, Solinas sarà più avanti di quanto previsto». Lo dichiara l'eurodeputato di Forza Italia, Salvatore Cicu, nella sede del comitato elettorale del centrodestra al T Hotel di Cagliari. «Dalla Sardegna - spiega - parte un doppio segnale: non si può pensare di fare a meno di Forza Italia e degli altri alleati. Il secondo è che vince chi vive i problemi del territorio, i Cinquestelle sono completamente distanti dalle realtà territoriali». Un passaggio sulla Lega: «Dai primi dati emerge che raggiunge un risultato importante ma non eclatante - osserva Cicu - deve fare una riflessione: si vince col centrodestra unito».

leggi anche:

Ore 11.30 - 24 sezioni: Solinas 44 per cento. Sono 24 su 1840 le sezioni scrutinate in Sardegna per l'elezione del Consiglio regionale. I dati sono stati diffusi dalla Regione Sardegna: Christian Solinas (centrodestra) è in vantaggio con il 44,89%. Poi Massimo Zedda (Centrosinistra) al 36,32%, e Francesco Desogus (M5s) con l'11,54%. Seguono Mauro Pili (Sardi Liberi) con il 2,76%, Paolo Maninchedda (PdS) on il 2,29%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,74% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,444%. Complessivamente circa 4mila voti.

Ore 11.20 - Ottimismo nella sede del comitato del Centrodestra. Clima di ottimismo nella sede del comitato elettorale di Christian Solinas. Secondo i dati che vengono di volta in volta comunicati dalle sezioni dai rappresentanti di lista, il candidato del centrodestra sarebbe in vantaggio su Massimo Zedda (centrosinistra) in undici sezioni a Carbonia (Sulcis) e a Esterzili (sud Sardegna, 224 voti contro i 76 di Zedda). In vantaggio anche a Uta ( Cagliari, 233 a 186). C'è anche un risultato finale: a Jerzu, in Ogliastra, Solinas è accreditato di 812 voti, Zedda 517, Desogus (M5s) 129, Andrea Murgia (Autodeterminatzione) 41, 34 Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi), 34, Mauro Pili (Sardi liberi) 14.

Ore 11.15 - Zedda nel quartier generale del Centrosinistra. Prima apparizione del candidato governatore del centrosinistra Massimo Zedda nel quartier generale di Cagliari in viale Diaz. Un caffè al bar dell'hotel che ospita il comitato elettorale, poi un sorriso ai giornalisti, ma nessun commento sui primi dati che arrivano.

Ore 11.10 - 11 sezioni su 1840: Solinas al 49%. Sono 11 su 1840 le sezioni scrutinate in Sardegna per l'elezione del Consiglio regionale. Lo fa sapere la Regione Sardegna: Christian Solinas (centrodestra) con il 49,85%, Massimo Zedda (Centrosinistra) al 35,04%, e Francesco Desogus (M5s) con il 8,77%. Seguono Paolo Maninchedda (PdS) 2,74%, Mauro Pili (Sardi liberi) con il 1,97%, quindi, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 1,19% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,41%. Complessivamente si parla di 1675 voti.

leggi anche:

Ore 11 - Prime sezioni di Cagliari: Solinas avanti. Primi risultati elettorali da Cagliari, quando sono state scrutinate 5 sezioni su 174 presenti nel territorio del Capoluogo. Secondo quanto fa sapere il Comune dal suo sito istituzionale, Christian Solinas (centrodestra) è avanti con il 53.36%. Segue Massimo Zedda (Centrosinistra) al 32.55% mentre Francesco Desogus (M5s) al 9.18%. A seguire Andrea Murgia (Autodeterminazione) con il 1.82%, Mauro Pili (Sardi Liberi) con l'.1.55%, Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) all'1.27% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) allo 0,27%.

Ore 10.55 - Solinas di nuovo in testa. Sono otto su 1840 le sezioni scrutinate in Sardegna per l'elezione del Consiglio regionale. Lo fa sapere la Regione Sardegna: Christian Solinas (centrodestra) con il 47,85%, Massimo Zedda (Centrosinistra) al 35,84%, e Francesco Desogus (M5s) con il 9,34%. Seguono Paolo Maninchedda (PdS) 3,14%, Mauro Pili (Sardi liberi) con il 2,57%, quindi, Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 0,66% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,57%. Complessivamente si parla di un migliaio di voti.

Ore 10.25 - Sei sezioni, Zedda in vantaggio. Prosegue il testa a testa tra i candidati del centrodestra e centrosinistra quando sono state scrutinate 6 sezioni su 1840 per le elezioni regionali della Sardegna. Ora in vantaggio è Massimo Zedda (Centrosinistra) al 42,91%, Christian Solinas (centrodestra) con il 38,19% e Francesco Desogus (M5s) con il 9,85%. Seguono Paolo Maninchedda (PdS) 5,54%, Mauro Pili (Sardi liberi) con il 1,64%, quindi, Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con l'1,02% e Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 0,82%.

leggi anche:

Ore 10.15 -  Affluenza, i dati definitivi. Diventa definitivo il dato dell'affluenza ai seggi per le regionali Sardegna. Su 1.470.401 aventi diritto si sono recati alle urne 790.709 elettori, ossia il 53,77%. I dati ufficiali sono stati pubblicati sul sito istituzionale della Regione Sardegna.

Ore 10.12 - Solinas in testa dal nord al sud. Si conferma il vantaggio di Christian Solinas sulla base dei primi dati in arrivo alla sede elettorale del centrodestra da Porto Torres, Quartucciu, Villasor, Cagliari. Lo spoglio è ancora in corso ma dai quattro seggi il candidato del centrodestra risulta avanti 38 voti a 23 su Zedda a Porto Torres, 205 a 106 in una sezione di Pirri (frazione di Cagliari), 242 a 161 in una sezione di Quartucciu, in vantaggio del 25% a Villasor sul candidato del centrosinistra Progressisti di Sardegna, Zedda.

Ore 10,10 - Solinas in vantaggio in una sezione ad Alghero. Primi risultati elettorali da Alghero: nell'unica sezione scrutinata, secondo quanto fa sapere il Comune dal suo sito istituzionale, Christian Solinas (centrodestra) è avanti con il 55,56%. Segue Massimo Zedda (Centrosinistra) al 22,22% mentre Francesco Desogus (M5s) al 18,52%. Mauro Pili (Sardi Liberi) si ferma al 3,7%, mentre gli altri sfidanti Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi), Andrea Murgia (Autodeterminazione) e Vindice Lecis (Sinistra Sarda) non hanno preso alcuna preferenza.

Ore 9,56 - Tre sezioni scrutinate: Solinas in vantaggio. Continuano ad arrivare alla spicciolata i dati relativi allo scrutinio delle schede elettorali nelle 1840 sezioni della Sardegna. Complessivamente sulle tre sezioni scrutinate è in vantaggio Christian Solinas (centrodestra) con il 44,76%, Massimo Zedda (Centrosinistra) al 37,14% e Francesco Desogus (M5s) al 9,04. Seguono Paolo Maninchedda (PdS) 5,23%, Mauro Pili (Sardi liberi) con il 2,20% con il 2,38%, quindi, Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con lo 0,95% e Andrea Murgia (Autodeterminazione) con lo 0,47%.

Ore 9.44 Sassari, prima sezione scrutinata: Solinas in testa. Christian Solinas (centrodestra) al 36,56%, Massimo Zedda (Centrosinistra) al 23,35% e Francesco Desogus (M5s) al 26,43. Sono i primi dati che arrivano dalla prima sezione scrutinata a Sassari, dove il Comune sta pubblicando i dati sul sito istituzionale. Seguono Mauro Pili con Sardi liberi (2,20%) con il 2,12%, quindi Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi) 1,13%, Andrea Murgia (Autodeterminazione) 1,32% e Vindice Lecis (Sinistra Sarda).

Ore 9.36 - Tre sezoni scrutinate. Attualmente, dai dati che arrivano dalla Regione Sardegna, sono state scrutinate tre sezioni: una è quella di Baradili - il Comune più piccolo dell'Isola che ha solo una sezione - mentre le altre due sono a Oristano e a Iglesias.

Ore 9.20 - Nel Comune più piccolo Zedda in vantaggio. Baradili (Oristano), il Comune più piccolo della Sardegna (47 votanti su 76 aventi diritto), ha concluso le operazioni di scrutinio nell'unico seggio presente. In vantaggio Massimo Zedda (centrosinistra) con il 42,55%. Seguono Christian Solinas (centrodestra) e Francesco Desogus con entrambi il 23,4%. Poi Mauro Pili con Sardi liberi (8,51%), Vindice Lecis (Sinistra Sarda) con il 2,12%, quindi restano a zero Paolo Maninchedda (partito dei Sardi) e Andrea Murgia (Autodeterminazione).

leggi anche:

Ore 9 - Prime due sezioni: Solinas in vantaggio. Iniziano ad arrivare i primi dati sullo spoglio delle schede: secondo quanto fa sapere la Regione, quando sono state scrutinate due sezioni su 1840 nel Sulcis e nell'Oristanese, il candidato del centrodestra Christian Solinas ha ottenuto il 47,4% delle preferenze, quello del centrosinistra Massimo Zedda il 34,81%, mentre Francesco Desogus del Movimento Cinquestelle l'11,85%.

Ore 8 - I dati arriveranno aggregati. Ancora nessun dato per i voti di preferenza che riguardano i candidati governatore, le liste e i circa 1500 aspiranti consiglieri nelle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale della Sardegna. I dati, secondo quanto fa sapere la Regione, arriveranno aggregati, con una modalità predefinita. I Comuni che hanno da una a 10 sezioni forniranno il dato ad ultimazione delle operazioni (100%), quelli tra 11 e 30 sezioni quando si arriverà al 50% dello scrutinio, mentre per i Comuni più grandi quando si arriverà al 25%

Ore 7.30 - Inizia l'attesa dei risultati. Si attendono i primi risultati elettorali, a partire dai voti per i sette candidati presidente: Francesco Desogus (M5s), Massimo Zedda (centrosinistra), Christian Solinas (centrodestra), Mauro Pili (Sardi liberi), Andrea Murgia (Autodeterminatzione), Paolo Maninchedda (Partito dei Sardi), Vindice Lecis (Sinistra sarda).

Ore 7 - Seggi riaperti. Riaperti alle 7 i 1.840 seggi della Sardegna dove sono state avviate le operazioni per lo scrutinio delle elezioni regionali. Le urne si sono chiuse ieri alle 22 con l'affluenza che si è attestata sul 53,75% (790.347 votanti dei 1.470.401 aventi diritto), +1,5% rispetto alle precedenti consultazioni del 2014 (52,2%). I funzionari dell'ufficio elettorale della Regione stanno verificando la regolarità delle ripresa delle attività.

Affluenza. È un piccolo paese dell'Oristanese, Bidonì, il Comune della Sardegna nel quale l'affluenza registrata alle 22 è stata la più bassa dell'isola nell'ambito delle elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale della Sardegna: 29,6%. Nella circoscrizione di Cagliari, invece, il numero maggiore dei votanti: Guamaggiore con il 72,9%.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller