Rivolta del latte, si decide su una tregua

Vertice nell'Oristanese: "Dovremo capire se avremo ancora pazienza"

CAGLIARI. Assemblea dei pastori sardi a un bivio. Domani, venerdì 1° marzo, gli allevatori, che si riuniranno a Tramatza (Oristano) a partire dalle 10.30, decideranno se prorogare la tregua oppure ritornare in strada con una nuova ondata di presidi.

"Bisognerà capire - spiega Gianuario Falchi, uno degli allevatori che ha partecipato alle ultime trattative al tavolo convocato dal ministro dell'Agricoltura Gian Marco Centinaio - se l'assemblea avrà ancora voglia di avere pazienza o se deciderà di riprendere la protesta. Perché se da una parte è vero che ci sono stati degli impegni da parte dei nostri interlocutori, è altrettanto vero che la griglia a cui legare

il prezzo del latte diventa inutile se alla borsa di Milano i valori del Pecorino romano rimangono a 5,65-5,80 euro e non salgono a 6,50. Verosimile che la richiesta del prodotto esista e che il prezzo sia destinato a salire. Ma al momento la situazione sembra bloccata".

 

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller