guardia costiera

Più sicuro il mare ogliastrino

Gli uomini del comando di Arbatax al lavoro lungo il litorale

ARBATAX. Il comandante dell’Ufficio circondariale marittimo Arbatax-Guardia costiera, tenente di vascello Rocco Landi, in occasione dell’attuale periodo ferragostano, comandante dell’Ufficio circondariale Marittimo di Arbatax e del porto, tenente di vascello Rocco Landi, .in occasione di questo periodo di ferragosto, ha invitato i bagnanti, i diportisti e tutti gli utenti del mare «al buon uso dello stesso e delle coste, nel rispetto dell’ambiente, delle regole di sicurezza della navigazione». E in maniera particolar dell’ordinanza di sicurezza balneare numero 18/2013, consultabile sul sito web www.guardiacostiera.it/arbatax. La giurisdizione del Circomare Arbatax va da oltre Capo Monte Santo a nord (Golfo di Orosei) fino a Capo Ferrato (nel Sarrabus, in territorio di Muravera, a sud). Il tenente di vascello Rocco Landi ricorda l’importanza del Numero Blu 1530 per segnalare le emergenze in mare e sul litorale. Mentre per ogni altro tipo di comunicazione potrà essere utilizzato il numero telefonico 0782-667093 della sala operativa della Guardia costiera di Arbatax. E proprio nella giornata di ferragosto, si è avuto un doppio intervento con soccorso in mare, , per gli uomini dell'Ufficio circondariale marittimo Arbatax-Guardia costiera, comandata dal tenente di vascello Rocco Landi. Il tutto a poca distanza dall'Isolotto d'Ogliastra e nel tatto di mare distante circa 400 metri dalla zona fra La Capannina (Arbatax), Girasole e Lotzorai. Nel primo caso è stato prestato soccorso a un giovane turista 25enne di Cesena (ma di origini rumene)anni

che si era avventurato a nuoto verso l’Isolotto. Mentre nel secondo caso a tre persone che erano a bordo di un natante di 5,90 metri che aveva preso fuoco al motore.

A bordo vi era una una famiglia ogliastrina di tre persone, con una bambina di appena cinque anni. (l.cu.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro