Posada, rubinetti a secco nelle campagne

POSADA. Pochissime precipitazioni e acqua ai minimi storici nella diga di Maccheronis che invasa l’acqua del Rio Posada. Il Consorzio di bonifica della Sardegna centrale ha comunicato il...

POSADA. Pochissime precipitazioni e acqua ai minimi storici nella diga di Maccheronis che invasa l’acqua del Rio Posada. Il Consorzio di bonifica della Sardegna centrale ha comunicato il raggiungimento del livello d’emergenza disponendo quindi la chiusura dei rubinetti aziendali e dirottando l’acqua solo per scopi civili verso i potabilizzatori di Abbanoa. Dall’altro ieri, sono quindi a secco i rubinetti delle aziende agricole della piana che va da Siniscola a San Teodoro, con le restrizioni che dovrebbero continuare sino a quando la situazione non sarà sbloccata dall’arrivo della pioggia. Una situazione che mette in ginocchio le aziende agricole baroniesi che lamentano anche il fatto di non essere state avvisate in tempo della chiusura delle condotte e di non aver potuto accumulare le scorte per il bestiame. La siccità crea disagi nell’intera Baronia perché se a valle si sono registrate precipitazioni, nel bacino imbrifero del rio Posada si registra una situazione da allarme rosso. Per il momento infatti l’acqua che viene immessa in condotta per scopi potabili, è superiore a quella che arriva da monte e quindi l’unica speranza è una pioggia abbondante che riesca a riportare il livello del lago alle medie stagionali.

Gli allevatori di Posada, Torpè, Siniscola, Budoni e San Teodoro, chiedono aiuto anche alle associazioni di categoria affinché intervengano ufficialmente per attivare l’approvvigionamento idrico delle abitazioni e aziende dell’agro con le autobotti della protezione civile. (s.s.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli