oliena

I successi della Corrasi premiano le scelte di mister Flore

OLIENA. I successi della Corrasi premiano le scelte tecniche, messe in campo da Marcello Flore. Una bella rivoluzione quella che il dirigente della squadra olianese è riuscito a realizzare....

OLIENA. I successi della Corrasi premiano le scelte tecniche, messe in campo da Marcello Flore. Una bella rivoluzione quella che il dirigente della squadra olianese è riuscito a realizzare. Nonostante il budget limitato, messogli a disposizione dalla società rossoblù, Flore ha concretizzato un’impresa difficile e impegnativa. Quella di costruire un team di livello. Eppure, rispetto all’anno scorso non ci sono stati grossi sconvolgimenti, le forze nuove sono rappresentante unicamente da quattro giocatori provenienti dagli altri comuni e dal ritorno a casa di Antonio Sini, Pietro Spanu e Stefano Impala. Un merito non certo sottovalutabile spetta ovviamente al nuovo campo in erba sintetica e al fatto che la Corrasi sia potuta finalmente tornare a giocare nella propria comunità, in uno spazio finalmente consono, accolta dalla tifoseria cittadina. A dimostrazione, inoltre, che la preparazione atletica valorizzata da mister Caggiari era certamente ottima ma che, tuttavia, la formazione Olianese non aveva potuto esprimere al meglio il suo talento, dovendosi peraltro allenare in un'area ristretta e non certo adeguata. «All’inizio di questo campionato – rivela, inoltre, il direttore sportivo – ci siamo guardati in faccia, uno per uno, e ci siamo fatti una promessa reciproca. Impegnandoci ad ottenere risultati e tenendo alto il nome del nostro paese, perché vincere le numerose sfide della seconda categoria non è affatto semplice. Bisogna tenere ben saldi i piedi per terra».

«Nel corso dei vari incontri – prosegue Flore – si devono affrontare, infatti, avversari come il Talana, che hanno una bellissima tecnica di gioco, o sorprese come il Supramonte, che è riuscito a farsi notare positivamente, anche senza nomi noti del calcio locale. D’altra parte, però, se penso all’Oniferi, mi sarei aspettato decisamente di più, visto la fama che si porta dietro la squadra».

Tra i giocatori della sua formazione, poi, il ds promuove a pieni voti il bomber Giacomo Tendas, ritenuto un

attaccante degno dell’Eccellenza e riconosce come più forte tra i suoi ragazzi il giovanissimo Pietro Cucca.

«Una risorsa preziosa, un giovane serio e responsabile» viene definito. Infine, Marcello Flore guarda avanti, proiettandosi ai prossimi appuntamenti del girone F. (ma.s.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller