barisardo

Grande festa per il primo maggio

Il raduno dell’Azione cattolica ha riscosso enorme successo

BARISARDO. Sempre buona la prima, al convegno diocesano dell’Azione Cattolica Ragazzi del 1° Maggio. Un format che gli acierrini di ieri conoscono alla perfezione e che quelli di oggi vivono con lo stesso immutato entusiasmo. Forse perché davvero l’Acr è “il più meglio che c’è”, perché non importa tanto dove vai, ma con chi ci vai e soprattutto perché ci vai. Ecco allora una Bari Sardo perfettamente all'altezza nel ruolo di comunità che ha ospitato oltre 700 ragazzi provenienti da tutta la Diocesi, li ha accolti nel suo gioiello architettonico, la chiesa della Beata Vergine del Monserrato, all'ombra del suo campanile e dei suoi 35 metri di altezza. A svettare, accanto alla torre campanaria, sono stati però anche i canti dei ragazzi, le loro preghiere, i loro sorrisi. Con il vescovo, Mons. Antonello Mura, a presiedere la celebrazione eucaristica e a ripercorrere insieme a bambini ed educatori il significato dello slogan legato all'anno associativo in corso: “Tutto da scoprire”. La comunità di don Gianpaolo Matta risponde “presente” all'evento dell’anno targato Azione Cattolica e regala ai partecipanti una giornata da incorniciare, complice un meteo da inizio estate che ha scandito tutti i momenti della manifestazione: dalla marcia della pace lungo la via principale, con il consueto omaggio floreale alla statua della Vergine Maria, al pranzo nella spiaggia di Torre di Barì e alla serata di intrattenimento, con musica, giochi di squadra e caccia

al tesoro proposti da un gruppo di insoliti “scienziati” in camice bianco, caschetto antinfortunistico e capelli rasta. Insomma, un mix perfetto di preghiera, festa e condivisione che rendono il Primo Maggio un appuntamento irrinunciabile, consueto sì, ma sempre straordinariamente diverso.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community