Tutela della lingua, aderisce anche Ottana

OTTANA. Prende corpo il progetto “Faghere in sardu” sulla tutela della lingua sarda in continuità con le attività già svolte negli anni precedenti. Stavolta, ad approvare il progetto, è stata l’ammin...

OTTANA. Prende corpo il progetto “Faghere in sardu” sulla tutela della lingua sarda in continuità con le attività già svolte negli anni precedenti. Stavolta, ad approvare il progetto, è stata l’amministrazione comunale di Ottana che ha messo in campo una serie di iniziative da attuare nei prossimi mesi per diffondere e valorizzare la lingua sarda. Oltre alla riproposizione dello sportello linguistico, verranno messe in atto anche iniziative che coinvolgeranno i cittadini e le scuole, quali letture in sardo, diffusione dei documenti della pubblica amministrazione in sardo e in italiano e corsi di formazione e apprendimento. Al progetto, del quale è capofila il comune di Orotelli, hanno aderito finora, oltre a Ottana, anche i comuni di Nuoro, Mamoiada, Fonni, Dorgali, Oliena, Oniferi, Orani, Sarule e Orgosolo, tutti con un programma specifico di valorizzazione della lingua. L’iniziativa dei comuni associati punta a partecipare alla selezione regionale per ottenere i contributi della presidenza

del consiglio dei ministri in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche. I paesi che hanno aderito al progetto sono attivi da tempo nel settore della valorizzazione del bilinguismo e della lingua sarda attraverso l’attività dello sportello linguistico. (f.s.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community