Baunei

Sassaiola sul camper, 7 assoluzioni

Il tribunale di Lanusei scagiona i giovani accusati dai carabinieri

BAUNEI. A sette anni dai fatti, tutti assolti dal tribunale di Lanusei i sette giovani che in un primo tempo erano stati individuati quali responsabili di una sassaiola ai danni di due turisti con il loro camper. Dopo una lunga istruttoria nella quale sono stati sentiti tutti i carabinieri intervenuti, il giudice Paola Murru ha assolto tutti gli imputati difesi dall' avvocato Francesco Serrau dal delitto di violenza privata perchè il fatto non sussiste e dal delitto di danneggiamento per non aver commesso il fatto.

Il fatto risale al 31 agosto 2008. Giuseppe Lombardi e la moglie Nadia Falchetto, entrambi liguri, dormivano dentro il loro camper, parcheggiato in località "Pedralonga" di Baunei, quando intorno alle 2 il loro camper veniva investito da una sassaiola che lo danneggiava in più parti. Veniva infranto il vetro parabrezza, il vetro laterale della portiera e della finestra, danneggiata in più parti la carrozzeria e bucate le gomme posteriori. Sul posto arrivarono i carabinieri della Stazione di Talana, una pattuglia della Compagnia di Lanusei, ed il Comandante della Stazione di Baunei. A distanza di cento metri dal camper i militari trovarono sette giovani di Baunei reduci da uno spuntino. I luoghi erano privi di illuminazione. I militari ritennero che fossero i responsabili del danneggiamento e li segnalarono alla Procura di Lanusei, dalla quale furono rinviati a giudizio per i reati di danneggiamento e violenza privata.

Ora al tribunale di Lanusei, il giudice

Paola Murru ha assolto tutti gli imputati difesi dall' avvocato Francesco Serrau dal delitto di violenza privata perchè il fatto non sussiste e dal delitto di danneggiamento per non aver commesso il fatto. Resta il mistero di chi abbia compiuto il grave atto di violenza. (n.mugg.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA LA SCRITTURA

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community