Incendiari in azione, a fuoco la casa di un imprenditore

Tertenia, nel mirino l’abitazione al mare di Fabrizio Puddu Utilizzato liquido infiammabile. Danni per circa 25mila euro

TERTENIA. Gli incendiari sono tornati in azione nella serata di mercoledì, poco dopo le ore 19:20, nella zona della marina del paese, a Sarrala, in località Abba Urci. Hanno dato fuoco, indisturbati – nonostante la presenza, nella zona, di diverse case abitate tutto l’anno – all’abitazione, utilizzata soltanto nel periodo estivo e per qualche festività, dell’imprenditore terteniese Fabrizio Puddu, di 48 anni, L’uomo ha un’impresa di movimento terra, mentre la moglie lavora all’Ente foreste. I danni ammonterebbero a circa 25mila euro. Non ha trovato conferme il fatto che, a causa dell’incendio doloso, sia esplosa una bombola del gas. Praticamente divorata dalle fiamme alte invece una roulotte che l’imprenditore aveva sistemato all’esterno dell’abitazione al mare. Sul posto hanno operato, per circa tre ore, i vigili del fuoco del distaccamento permanente di Lanusei e i carabinieri della stazione e della compagnia di Jerzu, al comando del capitano Giuseppe Merola. Le indagini non si presentano facili. In passato pare che l’imprenditore non avesse subito altri attentati. I malviventi sarebbero entrati in azione intorno alle 19:15, quando era già buio. Hanno raggiunto la marina di Sarrala senza destare sospetti, visto che a quell’ora circolano tante auto di terteniesi che abitano nella zona a mare. Una volta in località Abba Urci, sembra abbiano forzato, senza grandi problemi, una finestra laterale della casa al mare di Puddu. Una volta all’interno, come ha spiegato il capitano Merola, hanno cosparso con del liquido infiammabile alcuni mobili, lasciando a terra anche alcune bottiglie di plastica contenenti della benzina. E prima di andare via hanno appiccato il fuoco.

Le fiamme si sono levate quasi subito alte e quando alcune persone che vivono nella stessa zona di Abba Urci le hanno notate, hanno dato l’allarme. Ma nonostante l’intervento dei pompieri di Lanusei, i danni sembra si aggirino sui 25mila euro. Il sindaco terteniese Luciano Loddo, ha così commentato il nuovo incendio doloso in paese: «A Fabrizio Puddu, alla moglie e ai suoi figli, va tutta la solidarietà mia e del consiglio comunale. Si tratta di una persona onesta e seria. È un grande lavoratore». Nella notte dell’8 settembre venne

data alle fiamme l’auto di un pensionato. Il 26 agosto furono distrutte da un incendio doloso i furgoni di due ex soci in affari (nell’abitato e nella marina di Sarrala). Mentre otto giorni prima stessa sorte toccò, al mare, a Barisone (Sarrala) alla Y10 presa a nolo da un’emigrata terteniese.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community