Gavoi, il Bim Taloro in campo contro il cyberbullismo

GAVOI. “Genitore digitale”, un progetto per combattere il bullismo sul web attraverso il coinvolgimento di famiglie e insegnanti. Lo ha organizzato il Bim Taloro in collaborazione con l’Ifos-Master...

GAVOI. “Genitore digitale”, un progetto per combattere il bullismo sul web attraverso il coinvolgimento di famiglie e insegnanti. Lo ha organizzato il Bim Taloro in collaborazione con l’Ifos-Master in criminologia, l’impresa Nuovi Scenari e il ministero della Giustizia. «L’obiettivo – spiegano i promotori – è fornire alle famiglie e agli insegnanti strumenti di prevenzione capaci di tutelare i ragazzi che sempre più spesso, senza alcun controllo da parte degli adulti, utilizzano il web». Il progetto prevede incontri sui temi del cyberbullismo che coinvolgono i tredici comuni che fanno parte del Bim: Austis, Desulo, Tonara, Fonni, Gavoi, Lodine, Mamoiada, Ollolai, Olzai, Orgosolo, Ovodda, Teti Tiana e Tonara. Le attività inizieranno mercoledì prossimo.

Il fenomeno del bullismo è una delle cause principali della dispersione scolastica, del degrado sociale e di condotte al margine della legalità. Per questo è così importante l’iniziativa del Bim Taloro.

«Si tratta di un intervento innovativo per la Sardegna – dice il presidente del Bim Taloro Giovanna Busia – In questo modo si vuole favorire la sinergia tra istituzioni scolastiche e famiglie e sostenere il lavoro che, quotidianamente, impegna gli operatori sociali dei servizi comunali e delle Asl. Un intervento sovracomunale che contraddistingue anche in questo caso la politica dell’attenzione verso le problematiche dell’adolescenza e dei giovani che il Bim porta avanti da anni».

Anche per il direttore Ifos Luca Pisano l’iniziativa, unica nel suo genere in Sardegna, aiuterà gli adulti a prevenire i comportanti online a rischio dei ragazzi. Sono sempre di più gli studenti che, nella loro vita scolastica, hanno subito almeno un atto di bullismo. E spesso i prepotenti rendono la vita impossibile ai ragazzi anche sul web.

«Il progetto – spiega Pisano– è stato realizzato in collaborazione col ministero della Giustizia.

Attraverso “Genitori digitale”, vale a dire un gruppo di genitori adeguatamente formati nelle tecniche di prevenzione dei comportamenti online a rischio, si vuole creare anche in Italia un network di operatori sociali disponibili a supervisionare le attività online dei ragazzi. L’iniziativa – ricorda

Pisano– è già stata realizzata negli Stati Uniti e ha ottenuto importanti risultati. In America c’è stata una sensibile riduzione dei comportamenti devianti manifestati dai minorenni nella rete». Soddisfatto dell’iniziativa anche il direttore di Nuovi scenari, il sociologo Pino D’Antonio.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller