posada

La festa degli alberi con la partecipazione delle scuole

POSADA. Si rinnova la festa degli alberi a Posada grazie all’iniziativa del Ceas Casa delle Dame e la collaborazione di amministrazione comunale, Legambiente e Fo.Re.Stas. La manifestazione si...

POSADA. Si rinnova la festa degli alberi a Posada grazie all’iniziativa del Ceas Casa delle Dame e la collaborazione di amministrazione comunale, Legambiente e Fo.Re.Stas. La manifestazione si svolgerà il domani e il 13 dicembre e vedrà coinvolte alcune classi delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Nella prima giornata i ragazzi incontreranno Luciano Carpo, esperto di cooperazione internazionale in programmi ambientali promossi dall’Unione Europea in America Latina e cittadino adottivo della Sardegna, come lui ama definirsi, che presenterà il messaggio ecologico di un libro famoso in tutto il mondo: “L’uomo che piantava gli alberi” di Jean Giono. Si narra di un uomo che, ogni giorno, piantava un seme di un albero trasformando, un po’ alla volta, un contesto brullo in un bosco, fonte di vita e di benessere. Il libro insegna come un solo uomo con semplici risorse possa cambiare le cose e ci ricorda che ognuno di noi può rendere il mondo un posto migliore anche solo con piccoli gesti. Durante l’incontro sarà presentato un concorso a premi rivolto alle scuole allo scopo di sensibilizzare le nuove generazioni ai valori dell’ecologia sostenibile, impegnandoli alla protezione del suolo e a riqualificare gli spazi verdi, curandone la pulizia, la bellezza e la qualità di vita. Per partecipare gli studenti dovranno elaborare un disegno oppure un racconto o poesia ispirandosi in forma del tutto creativa e libera al libro citato. Le iniziative si concluderanno il 13 dicembre con gli studenti che si sposteranno nella pineta di Orvile dove saranno coinvolti dal personale di Forestas nell’attività di piantumazione di pini e sughere. In Italia, La Festa dell’Albero è arrivata alla fine dell’Ottocento e lo scopo dell’iniziativa, non è cambiato nel tempo, con il gesto simbolico della piantagione di alberi che assume significati sempre nuovi mettendo in evidenza gravi questioni ambientali coinvolgendo scuole e comunità. In previsione della festa le operatrici del Ceas hanno coinvolto le classi in una lezione sui temi della manifestazione sottolineando il ruolo che gli alberi svolgono nella sua difesa ma anche la minaccia che subiscono col l’aumento del consumo di suolo. Un modo per sensibilizzare la comunità tramite i ragazzi a sostenere Peopleforsoil (Salva Il Suolo) un’iniziativa di cittadini europei che Legambiente, insieme ad oltre 400 associazioni internazionali, promuove allo scopo di avere un provvedimento legislativo che

finalmente, riconosca il suolo come un bene fondamentale, al pari di aria e acqua. Una battaglia che porterà attraverso una raccolta di firme all’approvazione di una legge europea per difendere il suolo dalle continue aggressioni che stanno un impoverimento ormai inarrestabile. (s.s.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller