L’assemblea generale  

Unione ciechi, i progetti per il nuovo anno sociale

NUORO. Si è svolta domenica 25 febbraio la prima assemblea generale ordinaria dei soci dell’Unione Ciechi. Primo importante appuntamento statutario per la vivace sezione di Nuoro che, nel corso della...

NUORO. Si è svolta domenica 25 febbraio la prima assemblea generale ordinaria dei soci dell’Unione Ciechi. Primo importante appuntamento statutario per la vivace sezione di Nuoro che, nel corso della manifestazione, ha tirato le somme di un anno ricco di iniziative, con l’approvazione del conto consuntivo e delle relazioni allegate. Il raduno si è svolto presso la ex Caserma Mura di Macomer grazie alla disponibilità ed alla sensibilità dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonio Onorato Succu, che ha messo a disposizione la splendida struttura bibliotecaria del centro. Nonostante le avverse condizioni meteo che hanno fatto registrare numerose defezioni, un congruo numero di soci ha voluto essere presente a questo momento di importante vita associativa.

Nella relazione del Presidente Pietro Manca, un numero consistente di iniziative a cominciare dal progetto di esalettura Chiaroscuro, iniziativa finalizzata alla lettura dell’opera di novelle di Grazia Deledda e momento di congiunzione fra il mondo dei ciechi, quello dei sordi e la società. Altro importante appuntamento è stata la terza edizione del Blind Pedalò Race, gara per equipaggi misti formati da un vedente e un cieco che nel mese di settembre ha animato il Lido di Cea a Loceri. Il presidente Manca si è poi soffermato sulla costituzione della sezione provinciale dell’I.R.I.Fo.R. con lo svolgimento di un corso di informatica di base dedicato ai soci e sull’importante convenzione stipulata con il Ministero di Grazia e Giustizia che consente ai detenuti di svolgere lavori socialmente utili.

Fra le altre iniziative vanno poi menzionate la convenzione con il Tribunale di Nuoro estesa a quello di Lanusei per lo svolgimento di lavori di pubblica utilità, il partenariato costruito con il liceo pedagogico S. Satta di Nuoro per i percorsi di alternanza scuola-lavoro e la costituzione della sezione provinciale del Libro Parlato che consente a tutti i non vedenti di ricevere in formato audio qualunque libro desiderino. Infine l’importante giornata organizzata nel sito nuragico di Tamuli che ha consentito la visita sui nuovi percorsi tattili del sito di 200 ciechi di tutta la regione. Questa manifestaziona avvenuta a a giugno è stata resa possibile grazie alla organizzazione del Club dei Lion’s di Macomer, in quel momento guidati da Mauro Ledda che è stato accolto affettuosamente dalla assemblea al termine dei lavori statutari.«Siamo sicuri – ha detto il presidente Manca – di essere riusciti a diversificare la nostra offerta associativa ma naturalmente siamo sempre aperti alle nuove proposte che i soci in maniera determinante ci consigliano nel corso delle nostre assemblee».

La presidenza dell’assemblea è stata retta da Gianni Marongiu. «Siamo sempre più convinti che l’associazione – ha sottolineato Marongiu – debba essere presente con i suoi incontri statutari in tutti i territori. E' la prima volta che veniamo a Macomer ma siamo sicuri che
torneremo con molte altre iniziative in una città che ci ha mostrato tutta la sua ospitalità». Il primo appuntamento per il 2018 sarà la fiera del libro di Macomer nel corso della quale l’Unione Ciechi cercherà di portare la lettura multisensoriale del progetto ChiaroScuro. (p.r.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro