Il tribunale di Nuoro dice sì ai vaccini per la bimba, accolto il ricorso del padre

La piccola potrà tornare alla scuola materna. La mamma era contraria perché convinta che le vaccinazioni potessero causare un ritardo nella crescita: una tesi senza alcun riscontro medico

NUORO. A tre anni e mezzo Maria potrà fare i vaccini anti morbillo, anti rosolia e anti parotite, contro il volere della mamma. Lo ha stabilito il Tribunale ordinario di Nuoro che, accogliendo il ricorso presentato dal papà della bambina, ha autorizzato il genitore a far effettuare alla figlia i vaccini obbligatori, consentendo così alla piccola di tornare alla scuola materna.

Una decisione che affossa le convinzioni della mamma della bimba, secondo cui una prima serie di vaccini somministrati alla piccola e alla sorella minore, avrebbero provocato nelle figlie un deficit di crescita. Tesi non supportata

da alcun riscontro medico e quindi non presa minimamente in considerazione dai giudici.

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community