Sorgono 

L’ultimo saluto al taglialegna morto schiacciato dall’albero

SORGONO. «Una morte assurda che ha colpito tutti nel comprensorio della Barbagia e del Mandrolisai. Perché l’operaio Andrea Musu, morto due giorni fa a Gadoni era molto conosciuto e, soprattutto, ben...

SORGONO. «Una morte assurda che ha colpito tutti nel comprensorio della Barbagia e del Mandrolisai. Perché l’operaio Andrea Musu, morto due giorni fa a Gadoni era molto conosciuto e, soprattutto, ben voluto da tutti». Un ragazzo d’oro, l’ha definito il sindaco di Sorgono Giovanni Arru che ha voluto ricordare la figura del quarantenne come «un giovane laborioso, sempre disponibile e pronto a dare una mano in ogni occasione». Sono incessanti gli omaggi sui social network. Dagli amici, ai cavalieri di mezza Sardegna, ai comitati dei centri vicini rimasti profondamente colpiti dalla tragedia che ha visto protagonista il giovane operaio. Toccante l’omaggio della Pro loco di Sorgono, che lo ricorda per l’aiuto che dava in ogni evento. Un lutto collettivo difficile da elaborare, in un territorio dove tutti si conoscono, almeno un poco e la morte di un personaggio lascia il segno. Nel frattempo proseguono gli accertamenti per ricostruire la dinamica dell’incidente. Una ricostruzione che tiene impegnati i carabinieri di Gadoni e della compagnia di Tonara, retta dal maggiore Marco Pini. I militari e gli uomini dello Spresal di Nuoro hanno effettuato i rilievi e ora trarranno le conclusioni sulla
disgrazia. Per il momento il riserbo sulla vicenda è assoluto. Intanto ieri tutto il paese si è stretto al dolore della famiglia di Andrea Musu: la chiesa della Beata Vergine Assunta non è riuscita a contenere le decine di persone che hanno voluto salutare il giovane per l’ultima volta.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro