Una vetrina per venti Comuni

Presentato “Primavera nel cuore della Sardegna”, l’evento della Camera di commercio e dell’Aspen

NUORO. Parte questo fine settimana la XII edizione di “Primavera nel cuore della Sardegna”. Dal Marghine alla Palnargia, dalla Baronia fino all’Oglistra dal 21 aprile al 24 giugno 20 paesi diventeranno palcoscenico dell’evento, organizzato dalla Camera di commercio e dall’Aspen, con il patrocinio dell'assessorato regionale al Turismo e del Banco di Sardegna. Un viaggio alla scoperta del cuore dell’isola, tra natura, storia, arte e tradizioni dei paesi che attireranno, anche quest’anno, migliaia di turisti affascinati da tanta bellezza e particolarità.

«Dopo dieci anni il mio mandato è giunto a conclusione – ha detto il presidente dell’Aspen, Vincenzo Cannas – e questa dodicesima edizione della Primavera sarà l’ultima in qualità di presidente dell’Aspen. Spero che d’ora in avanti, si possa proseguire nel segno della continuità, con maggiore spazio ai giovani che sono portatori di idee e progetti nuovi capaci di valorizzare e promuovere i nostri territori». Di grande successo della manifestazione, aumentato negli anni, ha parlato il presidente della Camera di commercio, Agostino Cicalò che ha voluto rimarcare l’importanza della promozione territoriale come fonte di ricchezza economica.

«È un evento che ricalca il percorso fortunato di Autunno in Barbagia ma con condizioni climatiche più favorevoli. I comuni che hanno aderito a questo circuito – ha detto Cicalò – nonostante i sacrifici, vista la carenza di soldi nelle loro casse, sono riusciti a studiare dei percorsi per attirare sempre più i visitatori, riuscendo a mettere in mostra la loro identità fatta di cultura, storia, tradizioni ed enograstronomia. Un sacrificio ripagato con risultati, anche di natura economica: ogni euro speso ne sono stati guadagnati trenta».

A dare dimostrazione di quanto detto da Cannas e Cicalò, alcuni rappresentanti dei comuni che hanno aderito all’evento. «Abbiamo aderito di nuovo con entusiasmo con l’obiettivo di valorizzare le nostre peculiarità – ha detto il sindaco di Silanus, Gianpietro Arca – Abbiamo tanto da offrire ai visitatori: dai tesori dell’archeologia, con il complesso di Santa Sabina, all’arte de sa poesia cantada con l’apertura di un museo, fino al giro delle sette chiese». Dello stesso tenore l’intervento di Giandomenico Pinna, consigliere di Dualchi che ha rimarcato l’impegno importante di tutta la comunità e delle imprese locali. Anche l’assessore all’industria del comune di Siniscola ha sottolineato l’importanza dell’evento come vetrina per i prodotti tipici. «Quest’anno stiamo lavorando molto con “sa pompia” e insieme a Bastia, Livorno e Savona abbiamo aderito al progetto “Un mare di agrumi”. Rappresentanti di queste città saranno nostri ospiti durante la tappa di Primavera». Entusiasmo dai centri dell’Ogliastra: Lanusei e Barisardo.

«Scommetteremo ancora sull’enogastronomia – ha detto Anna Crisponi, Pro loco di Lanusei – in particolare sulle ciliegie e sui nostri vini che stanno conquistando i mercati internazionali».
«Grazie a questo evento – ha aggiunto Fabiana Casu, assessore al Turismo di Barisardo – le case storiche del paese sono state ristrutturate e hanno contribuito ad abbellirne il centro. Ora si rianimano aprendosi ai visitatori e movimentato l’economia in un periodo di bassa stagione».

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro