Scolari maltrattati, via al processo

All’udienza che vede imputata una maestra di Villagrande parlano le madri che denunciarono il caso

LANUSEI. Prime testimonianze nell’udienza a carico di una maestra di Villagrande Strisaili, Andreina Peddiu, a processo con un’accusa pesantissima, soprattutto per chi ha dedicato gran parte della sua vita all’insegnamento: aver maltrattato i suoi alunni. Ieri mattina nel banco dei testimoni, di fronte al giudice del Tribunale di Lanusei Nicole Serra, pubblico ministero Elisabetta Pili, hanno preso posto le tre mamme che nell’autunno del 2013, a poco più di un mese dall’inizio dell’anno scolastico avevano denunciato la maestra. Tre deposizioni che in qualche maniera hanno preso le distanze dalla denuncia che ha dato il via all’inchiesta e al processo.

È stata in sintesi la posizione delle tre mamme che, tuttavia, non si sono mai rivolte neanche alla dirigente scolastica Gisella Rubiu. Subito dopo è toccato ad altri tre genitori (due mamme e un papà) dei bambini che frequentavano la prima elementare raccontare ciò di cui erano a conoscenza. E loro hanno ribadito in aula che mai i figli avevano riferito episodi di maltrattamenti. Il dibattimento riprenderà a ottobre con l’esame di altri genitori. Il giudice si è riservato di acquisire le trascrizioni delle intercettazioni ambientali e dei filmati.

La vicenda risale all’anno scolastico 2013-2014 quando le tre madri accusarono la maestra di aver maltrattato gli alunni che allora frequentavano la prima elementare. Le famiglie avevano riferito agli investigatori di ingiurie, strattonamenti e percosse indirizzate, in diverse occasione, ai loro bambini. Andreina Peddiu aveva saputo di essere stata denunciata per maltrattamenti nei confronti dei suoi alunni di prima elementare da un articolo del giornale, alla fine dell’anno scolastico. Le indagini dei carabinieri, corredate da intercettazioni ambientali, sia audio sia video, realizzate nell’aula scolastica dove sarebbero avvenuti i maltrattamenti, sono poi confluite nel fascicolo del pm che aveva chiesto e ottenuto il rinvio a giudizio.

La maestra Peddiu, nel frattempo, ha continuato a insegnare nell’Istituto comprensivo del centro ogliastrino. Gli stessi alunni, che ora hanno 10 anni, hanno frequentato la elementari sino alla quarta con la stessa maestra. Tra loro ci sono anche gli scolari che secondo l’accusa sarebbero stati «vittime dei comportamenti violenti dell’educatrice»: non sono stati trasferiti in altre scuole ma hanno continuato a seguire le lezioni della maestra incriminata. E ieri, anche su sollecitazioni dell’avvocato difensore Daniel Murru, è emerso che nessuno dei genitori chiamati a testimoniare ha avuto di che lamentarsi dei
risultati scolastici dei bambini e che i rapporti sono sempre stati tranquilli. Un caso estremamente complesso dunque che già nelle prossime udienze potrebbe sgonfiarsi e dunque potrebbe portare ad alleggerire la posizione giudiziaria dell’insegnante elementare di Villagrande Strisaili.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro