Via all’attività della “Porta” del parco

Lodè, con la visita di una scolaresca del paese comincia il lavoro del Ceas

LODÈ. Con la visita degli alunni della quarta elementare di Lodè, accompagnati dalla maestra Lucia Dolfina, si è dato il via all’attività della “Porta” del Parco di Tepilora gestita dal personale Ceas Montalbo. Un viaggio itinerante tra le mostre: quella fotografica sul centro storico, una naturalistica “FotoLab Tepilora”, un’altra sui documenti storici provenienti da diversi archivi, in particolare da quello di Barcellona, ancora quella etnografica sull’arte agro-pastorale, oltre al laboratorio di ceramica “Al tornio di Thomas”, all’interno dell’ex casa cantoniera, diventata un luogo di incontro dove i visitatori possono raccogliere le informazioni necessarie alla visita, scoprire tutte le attività che si possono effettuare, organizzare il proprio itinerario. Una sorta di spazio di accoglienza per i turisti dove è possibile trovare informazioni sulle visite, sulle attività didattiche e sui servizi che vengono offerti dal Parco.

Allo stesso tempo la “Porta” mette a disposizione uno spazio per una mostra permanente che potrà ospitare anche esposizioni di artisti e artigiani locali.

Un luogo che ha anche il compito di monitorare l’affluenza dei visitatori e, attraverso sondaggi, migliorare la qualità dei servizi offerti dal Parco. Non solo, la struttura si propone inoltre di essere uno spazio di sosta per ospitare scuole, gruppi organizzati e anche singoli visitatori all’interno del quale le persone possono ricevere informazioni utili e, le scolaresche, poter partecipare a laboratori
didattici.

La prima scolaresca che si è resa protagonista dell’avvio dell’attività della “Porta” è stata poi guidata per le vie del centro storico del paese dove ha potuto ammirare il proprio paese in modo diverso, guardando con occhi nuovi, scorci del borgo legati al passato.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro