Il sindaco Lai già al lavoro «Impegno pieno per Jerzu»

Il neo primo cittadino troverà all’opposizione il suo coetaneo e amico Piroddi «Rispetto assoluto per le 867 persone che hanno sostenuto i nostri avversari»

JERZU. La nuova amministrazione targata Carlo Lai inizia a scrivere la sua storia all’ombra dei Tacchi. Il quarantreenne jerzese – vincitore della competizione elettorale che domenica lo ha visto contrapposto al suo coetaneo e amico, Marcello Piroddi – già ieri mattina, insieme a quelli che diventeranno a tutti gli effetti i suoi più stretti collaboratori, ha voluto salutare i dipendenti comunali, macchina burocratica e amministrativa imprescindibile per ogni esecutivo. Tra strette di mano, congratulazioni e dimostrazioni di affetto, la soddisfazione è palese.

«Contento, certo – è il commento di Lai – e lo siamo tutti. Il clima è quello giusto, di distensione totale, di serenità, per mettere fine a ogni polemica». I 122 voti di scarto con Piroddi? «Non sono pochi, ma non sono nemmeno così tanti come qualcuno paventava. Oggi, però, quel 53 per cento che ci ha consentito di vincere non è importante e ho un rispetto totale per le 867 persone che hanno sostenuto i nostri avversari. Per loro, così come per tutto il paese, il nostro impegno sarà totale: lavorare alla macchina amministrativa diventerà la nostra ossessione. Contiamo di essere operativi il prima possibile, anche a partire dalla settimana prossima». Abbattimento, dunque, dei tempi canonici per consentire al nuovo esecutivo di mettersi in moto, anche se sulla composizione della giunta il neo sindaco non si sbilancia: «La nostra è una maggioranza coesa e affiatata; decideremo in base alle competenze e alle attitudini di ciascuno». Nella squadra di Lai, il candidato consigliere più votato è una donna, Simona Demurtas, da dieci anni fra i banchi del consiglio comunale, fra maggioranza e minoranza. «Molte cose – dice – sono cambiate in questo tempo: ho iniziato giovanissima, a 25 anni, raccogliendo soddisfazioni e lavorando tanto. Oggi c’è molto da fare su tutti i fronti: dal sociale al turismo, dall’ordinaria amministrazione alla collaborazione con le associazioni, a partire dalla Pro loco. Come donna e come consigliere più votato sono davvero contenta: significa che la gente ha capito e apprezzato il mio impegno». Adrenalina ancora in circolo anche per il primo eletto tra i ragazzi, Fabrizio Contu, che curava insieme a Michela Pistis, la pagina Facebook della lista. «I social ci hanno aiutato a raggiungere un maggior numero di persone – ha spiegato Contu, imprenditore turistico – ma abbiamo comunque incontrato la gente fra le case, nelle piazze. Continueremo anche in amministrazione a utilizzare i canali multimediali per tenere costantemente informati i cittadini su tutto ciò che verrà fatto, sulle scelte e sui progetti». E poi c’è chi continuerà la sua battaglia, ancora una volta, dai ranghi dell’opposizione: «Per le forze in campo – è l’analisi del voto da parte del leader di “Alternativa per Jerzu”, Marcello Piroddi – il risultato raggiunto è straordinario. Ci ha penalizzato, a mio avviso, in parte l’astensionismo e forse un po’ la rassegnazione, derivante dall'impossibilità di spezzare un sistema cronico. Tuttavia, è un fatto che metà circa della popolazione è con noi e crede nel nostro progetto.
La nostra sarà, dunque, un’opposizione decisa, netta, perché nulla di buono ci aspettiamo da questa amministrazione». Gli auguri al nuovo sindaco? «Ci lega comunque un’amicizia strettissima e il fatto di essere avversari politici non cambia. Non mancherò di farglieli di persona».

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro