posada 

Si rinnovano i riti delle comarie di santu Juanne

POSADA. Si riempie di suoni e colori il caratteristico scorcio davanti alla chiesetta di “Santu Juanne e mare”. Il comitato presieduto da Nello Ziri, ha messo a punto i preparativi per il fine...

POSADA. Si riempie di suoni e colori il caratteristico scorcio davanti alla chiesetta di “Santu Juanne e mare”. Il comitato presieduto da Nello Ziri, ha messo a punto i preparativi per il fine settimana. Si parte oggi con la riscoperta degli antichi riti legati alle comparie di san Giovanni e l’accensione di piccoli fuochi propiziatori. Un ritorno al passato quando in occasione del solstizio d’estate in vari paesi venivano preparati i fuochi in onore del santo. Usanza che a Posada si rinnova da qualche anno con l’accensione dei falò che dovranno essere saltati prendendosi per mano. Un rituale che dava il via alle “comarie” e “comparie” per un’unione e un’amicizia duratura. Un rito quello del salto del fuoco, che va ripetuto tre volte a significare, il superamento di ostacoli e difficoltà della vita. Dopo la messa che si svolgerà alle 23, il parroco don Paba, benedirà l’accensione dei falò. La festa prosegue domani con il fisarmonicista Andrea Marongiu e il concerto di Maria Luisa Congiu. Domenica messa mattutina e alle 18, processione religiosa con il simulacro del santo accompagnata dai gruppi folk di Posada, Nule e Sassari e tanti figuranti in costume
sardo. La messa sarà animata dal coro Baronia di Torpè. Alle 21,30, sul palco i gruppi folk Feronia, Città di Sassarie Su Furione accompagnati dal fisarmonicista Paolo Canu e dal gruppo Antigas Serenadas. A concludere il dj set. Le serate saranno presentate da Franco Meloni. (s.s.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro