Nuoro, Toulouse-Lautrec in forma di luce ridisegna la facciata del Man

"List" è il nome del progetto serale di mapping digitale frutto dell'accordo tra lo Ied (Istituto europeo di design) e il museo nuorese dove è in corso un'esposizione di alcune litografie del pittore francese

NUORO. L'arte di Toulouse-Lautrec fonte di ispirazione per un'opera di video mapping che illumina la parete in un luogo altamente simbolico della città di Nuoro: la facciata del Museo Man, nella piazza-monumento dedicata al poeta Sebastiano Satta. Una superficie che funge da schermo per un'opera suggestiva che abbina arte e sofisticata tecnologia. 

Il progetto è frutto di un accordo tra lo Ied di Cagliari e il Man, dove alcune opere di Lautrec sono esposte all'interno de «La Bohéme», collezione litografica dell'artista francese e dei suoi predecessori e contemporanei. «Un progetto di mapping digitale e arte pubblica dove a dialogare sono spazi, architetture, tecnologia e l'opera di Lautrec», spiega la direttrice dello Ied Monica Scanu. Un'opera di grande impatto visivo con la piazza dal pavimento in granito e impreziosita dalle sculture di Costantino Nivola, arricchita da affascinanti architetture di luci.

«List», questo il titolo, sarà visibile fino al 15 luglio dalle 21.30 a mezzanotte e mezza. «Una piattaforma artistico-tecnologica innovativa, un'operazione sperimentale che darà vita nei prossimi mesi ad altri progetti in collaborazione con Ied», annuncia il direttore del Man, Luigi Fassi.

Ispirata a Davide Boriani, «List»

è realizzata da Luca Scarlatta, videoartista e docente Ied, e da Marco Santaniello, studente del corso di Media Design, con la collaborazione di Alessio Trudu, Raffaello Mossa e Fabrizio Torchia, neodiplomati Ied e curata per la parte artistica dalla storica dell'arte del Man, Emanuela Manca.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Pubblica il tuo libro