Cala Mariolu fa centro con il numero chiuso

Baunei, bilancio positivo a venti giorni dall’entrata in vigore dell’ordinanza Il sindaco Corrias: siamo al lavoro per la ricostruzione del pontile di attracco

BAUNEI. A Cala Mariolu (Ispuligedenie), dallo scorso 29 giugno è in vigore l’ordinanza sindacale relativa al numero chiuso, con la quale viene stabilito che «il numero massimo delle presenze contemporanee consentite nella cala è pari a un totale di mille». A distanza di 20 giorni dall’entrata in vigore dall’ordinanza che ha emesso, il sindaco Salvatore Corrias (Pd) si dice soddisfatto perché «sia i bagnanti e sia gli operatori del settore (motobarche, gommoni e altro) la stanno rispettando senza proteste, e questo significa che tutti comprendono bene quando sia importante salvaguardare questa ricchezza naturalistica, conosciuta e apprezzata in tutto il mondo». Nell’ordinanza si fa riferimento a passaggi importanti: «L’eccessivo carico antropico e l’incontrollata fruizione della cala di Mariolu stanno seriamente compromettendo lo stato di conservazione del sito. L’afflusso incontrollato provoca, altresì, seri problemi di carattere sanitario e di igiene pubblica, mancando nella spiaggia qualsiasi struttura igienica».

Fra l’altro, la violazione dell’ordinanza porta a sanzioni da 100 fino a 1.800 euro. Le sanzioni più pesanti, aveva sottolineato il capo dell’esecutivo comunale baunese «sono per chi viola le norme a scopo di lucro». Salvatore Corrias annuncia anche di essere in continuo contatto con la Capitaneria di porto di Olbia per quanto attiene la possibile ricostruzione del pontile di attracco, sempre a Cala Mariolu, che vene realizzato a settembre dello scorso anno – sempre in ottica di contingentamento delle presenze – e che venne distrutta da una violentissima mareggiata appena un mese dopo. «Non sappiamo ancora se riusciremo a ricostruirlo a breve – prosegue il primo cittadino di Baunei-Santa Maria Navarrese – ma intendiamo riposizionarlo, in maniera da regolare ancora meglio gli attracchi dei natanti e gli sbarchi dei bagnanti».

Non vi è ancora la certezza, ma il prossimo anno il numero chiuso dovrebbe essere stabilito anche a Cala dei gabbiani, che confina proprio con Cala Mariolu. Dalla stagione
estiva 2017, a Cala Biriala è in vigore il contingentamento delle presenze: in contemporanea non possono starvi più di 300 persone. Mentre dal 2016 si paga un ticket per accedere al sentiero trekking per Goloritzé e farvi il bagno, mentre i natanti devono stare a 200 metri da riva.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro