Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Martedì l’attesa gara poetica: sfida in famiglia tra zio e nipote

BORTIGALI. Appuntamento con la poesia orale martedì 21 agosto a Bortigali. In calendario c’è l’attesa sfida in limba tra gli improvvisatori Bruno Agus di Gairo e Giuseppe Porcu di Irgoli che saranno...

BORTIGALI. Appuntamento con la poesia orale martedì 21 agosto a Bortigali. In calendario c’è l’attesa sfida in limba tra gli improvvisatori Bruno Agus di Gairo e Giuseppe Porcu di Irgoli che saranno accompagnati da Su cuncordu Ortigalesu. La gara prenderà il via alle ore 22 sul palco allestito in Piazza del Popolo. Un appuntamento molto sentito dagli appassionati della gara tradizionale. La novità di quest’anno è che si potrà assistere a una sfida in famiglia: Bruno Agus e Giuseppe Porcu infatti sono legati da un vincolo di parentela (la moglie di Agus è una zia di Porcu), elemento questo che renderà la sfida più appassionante. Bruno Agus è oggi da annoverare tra i veterani delle gare poetiche visto che sulle spalle ha diversi decenni di attività. Giuseppe Porcu invece è un poeta della nuova generazione che con impegno si diletta nel portare avanti questa tradizione. La gara poetica seguirà i canoni tradizionali. Si inizia con s’esordiu (dedicata ai saluti di rito e alla libera improvvisazione). Poi si passa ai due temi, argomenti che vengono assegnati a sorte dagli organizzatori e che i poeti dovranno difendere, con ottave endecasillabe, facendo emergere l’abilità nel confezionarle. Subito dopo si cantano “sas duinas” e “sas batorinas” per chiudere la gara con il sonetto finale. La gara poetica è un’espressione culturale molto seguita nei centri del Marghine. Anche quest’anno in diversi centri della zona sono stati organizzati appuntamenti con la poesia orale. Gli improvvisatori Bruno Agus, Nicola Fraina di Orgosolo e Alessandro Arca di Silanus si sono esibiti a luglio a Macomer in occasione della festa di San Pantaleo. Il 9 agosto a salire sul palco di piazza Carraghentu a Silanus, per San Lorenzo, erano stati Totore Cappai e Alessandro Arca, di Silanus, e ancora Agus. Seguiranno serate anche in autunno. (t.c.)