Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Due fucilate nella notte contro la casa di un allevatore

ORUNE. Prima hanno tentato di dare fuoco alla sua autovettura, custodita all’interno di un garage, poi, hanno esploso due colpi di fucile verso la facciata della sua casa in via Deffenu: è stato un...

ORUNE. Prima hanno tentato di dare fuoco alla sua autovettura, custodita all’interno di un garage, poi, hanno esploso due colpi di fucile verso la facciata della sua casa in via Deffenu: è stato un risveglio brusco e decisamente poco piacevole, insomma, quello della notte tra venerdì e sabato scorsi, per Pasquale Pala, 46 anni, allevatore di Orune.

I soliti ignoti, come spesso succede nel paese, hanno deciso di entrare in azione a ridosso di un giorno di festa. Ieri, infatti, a Orune, si celebrava una delle ricorrenze più sentite dalla comunità: la festa del Carmelo, e l’intero paese, già dalle ore e dai giorni precedenti si stava preparando al lieto evento, ai riti religiosi ma anche a quelli civili, altrettanto importanti e sentiti. Chi ha deciso di colpire la casa e l’auto di Pasquale Pala, dunque, ha scelto non un periodo a caso, ma un momento di festa.

Tutto è successo nel cuore della notte tra venerdì e sabato, intorno alle 3, quando ormai la stragrande maggioranza degli orunesi dormiva.

Pasquale Pala, in quelle ore, dormiva tranquillo al piano superiore della sua casa, nella zona notte, insieme ai suoi familiari. E in un attimo, due fortissimi botti in rapida sequenza hanno buttato giù dal letto l’intera famiglia. È bastato poco all’allevatore per capire che quello che lo aveva svegliato di soprassalto era il botto di due colpi di fucile esplosi a distanza ravvicinata uno dall’altro. Ed è bastato altrettanto poco per scoprire anche che gli ignoti attentatori avevano cercato di dare fuoco alla sua Alfa 147 custodita dentro il garage della casa. Le indagini, seguite dai carabinieri della compagnia di Bitti, sono partite di lì a pochi istanti, senza tuttavia portare ad alcun risultato.