Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Il ritmo della musica jazz apre le Cortes di Bitti

Invasione di 140 musicisti del seminario di Nuoro ieri sera in piazza Asproni Ambiente, saperi e sapori della tradizione saranno in vetrina per tre giorni

BITTI. Partenza alla grande di “Autunno in Barbagia” ieri sera a Bitti, con un’anteprima di grande impatto culturale. Il paese è stato letteralmente invaso da una festosa folla di visitatori, molti dei quali al seguito dei 140 musicisti partecipanti a “Nuoro Jazz”, che hanno tenuto il saggio finale del seminario per le vie del centro storico. L’esibizione è stata molto di più di un grande concerto itinerante che, partendo da piazza Asproni, ha attraversato i viottoli a monte del corso Vittorio Veneto, giungendo fino all’area del museo del canto a tenore e della civiltà contadina e pastorale.

Non poteva esserci un inizio migliore, nello spirito che anima il circuito promosso dall’Aspen-Camera di Commercio di Nuoro, quello cioè di aprire ai turisti e visitatori e accendere i riflettori sui paesi dell’interno. Le case e le strette viuzze che caratterizzano i centri abitati trasudano di storia, tradizioni, cultura, folclore, enogastronomia, tutte eccellenze di una salubrità che ha pure richiamato l’attenzione di un organismo importante come l’Unesco.

Con i suoi “tesori” Bitti, circondata com’è da un habitat incontaminato, si conferma all’altezza di sostenere l’onere e avere l’onore di aprire il circuito Autunno in Barbagia. È in occasioni importanti come questa infatti che l’ospitalità e generosità bittese danno il meglio di se, lasciando nel visitatore il sapore di cose e usanze antiche, genuine.

Si prospetta una due giorni, oggi e domani, che animerà il centro barbaricino conosciuto in tutto il mondo per il canto a tenore, per la genuinità dei suoi prodotti come il pecorino sardo, il pane carasau, le salsiccie, siti archeologici unici nel Mediterraneo come Romanzesu e il Parco naturale di Tepilora, ora area “MaB-Man and Biosphere”. Cose dal valore inestimabile, che verranno messe in vetrina e valorizzate a dovere. Gli ingredienti per il successo ci sono tutti e in paese, complice anche il bel tempo estivo, si respira un’atmosfera ottimista.

L’entusiasmo e la partecipazione “operativa” di ogni singolo protagonista, siano essi imprenditori agricoli, artigiani, commercianti, operatori turistici e associazioni socio-culturali, determinano il successo e la riuscita di questa manifestazione, ormai la più importante di tutta la Barbagia.