Oliena, coltivazione di droga: un arresto

La polizia di Stato scopre 850 piante di marijuana in un agriturismo in disuso

OLIENA. Un nuovo duro colpo è stato inferto dalle squadre mobili delle Questure di Nuoro e Oristano alla produzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti.

Dopo pochi giorni dal rinvenimento e sequestro di una grossa piantagione di marijuana presente nei monti in agro di Teti, costituita da oltre 2.500 piante e l’arresto del giovane pregiudicato che la custodiva, i due uffici investigativi hanno rinvenuto ed estirpato una nuova piantagione, costituita da circa 850 piante, occultata nelle campagne di Oliena, in un terreno in località “Ghantine Selis” all’interno del quale si trova un agriturismo in disuso di proprietà di una famiglia del posto.

Dopo una serie di appostamenti, gli agenti hanno inoltre tratto in arresto M.G., 54enne residente a Mamoiada, che è stato colto in flagranza mentre si accingeva ad innaffiare le piante.

L’uomo, vedendosi circondato, si è arreso subito agli agenti ed è stato poi condotto presso il carcere circondariale di Badu ’e Carros.

Un altro giovane del luogo S.A., 36 anni, titolare dell’ex agriturismo, è stato invece denunciato perché ritenuto complice dell’arrestato, ma non è stato colto in flagranza di reato.

Anche in questo caso, la coltivazione illegale, risultata piantata di recente, era dotata di un imponente e professionale impianto di irrigazione a goccia. Non solo: lungo tutto il perimetro della piantagione era stata inoltre realizzata una recinzione elettrificata, alimentata da una centralina a
batterie, finalizzata a tenere lontani animali selvatici che, con il loro transito, potevano danneggiare la coltivazione.

Tutto il materiale rinvenuto, inclusi numerosi bidoni di fertilizzante, è stato posto sotto sequestro, mentre l’impianto di irrigazione reso inutilizzabile.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro