birori 

Il sindaco promuove un incontro per costituire la Pro loco

BIRORI. Birori è uno dei pochi comuni del Marghine dove non è presente la Pro loco. Una lacuna alla quale l’amministrazione comunale, guidata dalla sindaca Silvia Cadeddu, intende rimediare. Per...

BIRORI. Birori è uno dei pochi comuni del Marghine dove non è presente la Pro loco. Una lacuna alla quale l’amministrazione comunale, guidata dalla sindaca Silvia Cadeddu, intende rimediare. Per questo motivo la prima cittadina ha convocato un incontro pubblico che si terrà martedì prossimo, 25 settembre, con inizio alle ore 19, per discutere della costituzione dell’associazione.

Alla riunione, che si terrà nella sala consiliare, sono invitati a partecipare tutti i cittadini. Saranno presenti gli amministratori locali, i dirigenti delle varie associazioni culturali e di volontariato.

L’obiettivo è quello di valutare se esistono le condizioni per costituire anche i Birori la Pro loco che si occupa di promozione turistica e di valorizzazione del territorio. Una lacuna che l’amministrazione comunale intende colmare per mettersi al passo con gli altri comuni del comprensorio che ormai da tanti anni possono contare sulla presenza di questo importante sodalizio. Nel Marghine la Pro loco è presente nei centri di Macomer, Bolotana, Silanus, Bortigali, Dualchi, Sindia e Borore. Non opera invece a Noragugume, Lei e Birori.

La presenza della Pro loco è servita per promuovere diverse iniziative di carattere ricreativo, culturale e sportivo. Tra l’altro va segnalato che queste associazioni sono destinatarie dei contributi che la Regione stanzia a rendiconto delle attività svolte nell’anno
precedente. Qualche giorno fa le Pro loco del territorio hanno ricevuto il saldo per le attività svolte nel corso del 2017. Complessivamente ai sette sodalizi del Marghine sono arrivati 50mila euro. Una salutare boccata di ossigeno per proseguire la programmazione delle iniziative.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro