Bitti, Cortes de Nadale tra Marras e la Taranta

Ricco programma di iniziative per la festa di fine anno nel paese barbaricino Musica, teatro e gastronomia da stasera al cinema Ariston sino a lunedì 31

BITTI. Con una piazza Asproni lustrata a nuovo e addobbata dal magnifico presepio dell'associazione "BittArt", Bitti si appresta a vivere “Cortes de Natale-Capodanno nel cuore della Sardegna”. Un fine 2018 davvero speciale, di sicura attrattiva turistica, che la Regione Sardegna ha visto bene di inserire nei Grandi Eventi. Il programma proposto dall'amministrazione comunale è ricchissimo e le prenotazioni fioccano, grazie anche ad una solida campagna pubblicitaria. Così, attività che abitualmente rimanevano chiuse, quest'anno saranno regolarmente aperte e offrono attraenti e stuzzicanti pacchetti di soggiorno. Sagre, esposizioni, riti, teatro, concerti, enogastronomia e quant'altro, che toccheranno l'apice durante questo lungo fine settimana-ponte di capodanno, da stasera a lunedì 31 dicembre, e a seguire poi con altre iniziative sino all'Epifania. È lo specchio natalizio del collaudato target di Cortes Apertas, con in più però l'apertura ad iniziative provenienti da altri paesi. Oltre a conservare e tramandare tutto quello che può essere ricondotto ad un'unica parola, "identità", con “Cortes de Natale” l'amministrazione guidata dal sindaco Giuseppe Ciccolini si pone l'obbiettivo di attrarre quella fascia di visitatori che hanno scelto la Sardegna, e in particolare la Barbagia, per le vacanze di fine anno. Bitti è molto ricca di tradizioni legate al periodo dell'Avvento, tutti antichi momenti comunitari che affondano le radici nel tempo, alternandosi e sconfinando a vicenda tra il sacro e il profano.

Si parte stasera al teatro Ariston, alle 21, con il concerto del cantautore Piero Marras, che ripercorrerà le principali tappe della sua lunga carriera artistica. Domani, sabato 29, “Iddacuada, il Dio delle piccole cose” il nuovo spettacolo della compagnia Ilos di Lula. Il 30 e 31 apertura delle Cortes, e saranno davvero tanti gli appuntamenti. Si va dall'enogastronomia con “Sa vaina de su porcu” proposta dai Cadderis de Vitzi, al folklore e costumi tradizionali a cura dell'associazione “Sa Bitha”, ai concerti dei gruppi a tenore che si esibiranno in diversi momenti ed ad orari prestabiliti. Gran finale per San Silvestro, con il cenone in piazza all'interno di una tensostruttura, con un ricco menù e con la musica dei Cordas et cannas e la partecipazione straordinaria dell'ensemble pugliese Alla Bua che proporrà i brani tipici e l'antica tradizione della Taranta. L'ultimo giorno dell'anno per i bittesi significa ancora due momenti unici: “S'arina capute”, la questua porta a porta dei ragazzi del paese, antesignana dell'odierno”"dolcetto o scherzetto”, e “Sas Bulustrinas”, ovvero
volo delle strenne. Al termine del Te Deum, il parroco del paese Don Totoni Cossu lancerà come da tradizione monetine e dolcetti alla folla che si raduna sottostante la finestra della casa parrocchiale. Un segno propiziatorio e bene augurante per il nuovo anno che bussa alle porte.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare