La neve porta i primi turisti a Fonni

Ma il Bruncuspina è off limits. Prime “spedizioni” da Desulo a Punta Lamarmora

FONNI. Primo week end con la neve sul Gennargentu, ancora sotto la morsa del gelo che ieri ha fatto segnare nuovi record negativi in fatto di temperature. A Fonni, la stazione di Massiloi ha toccato il picco di -10,2, seguito da Belvì, Funtana Frida con -6,4, seguiti da Separadorgiu e su Filariu a -5,5. Anche nei centri abitati il freddo è pungente. Punte di meno -3,7 a Fonni, -3,4 ad Ovodda, - 3,2 a Tonara e – 2,2 a Desulo. Questo nelle stazioni registrate nel gruppo Sardegna Clima, che monitora costantemente le temperature. Il valore che risalta è che il freddo è comunque arrivato anche a quote basse e in siti ove non vi è inversione termica e generalmente si registrano valori superiori. Anche per stanotte è attesa una nuova gelata, che però dovrebbe cedere il passo ad una tregua climatica da domani. La viabilità dovrebbe essere assicurata dagli interventi dei mezzi spargisale, che già dalla prima serata di ieri hanno iniziato l’irrorazione delle strade montane.

La polizia stradale di Nuoro e di Fonni continuano a monitorare la situazione, sia nella 389 dcn, nella ss 128 (qualche criticità è stata segnalata a Ovodda) e nella Desulo-Fonni, ove nelle zone di Su Au e Aratu sono presenti tratti critici per il ghiaccio. Viabilità e trasporti sono comunque tornati alla normalità, anche se per chi si avventura in montagna sono obbligatorie catene o gomme termiche. Il bel tempo dovrebbe portare i gitanti del week end nell’entroterra. A Fonni già da ieri sono arrivati i primi turisti, anche se non si può salire sul Bruncuspina. Ieri il sindaco Daniela Falconi ha emanato una ordinanza di chiusura del traffico veicolare nella rete stradale di rilievo comunale Bruncuspina nel tratto dissestato e con pericolo di frana. Il primo cittadino ha comunque invitato i vacanzieri a passare la domenica sul Gennargentu in quanto «coloro che vogliono godersi la magia della neve e panorami mozzafiato con catene e gomme termiche, si può davvero trascorrere una bella giornata in montagna». A Desulo è transitabile, con prudenza, la strada verso su Vilariu. L’impiantino su tapis roulant dovrebbe restare chiuso e chi vorrà potrà usufruire della neve per qualche sciata estemporanea nel pendio, si dovrà accontentare di dello slittino o di portare gli sci a spalle. Il rifugio Puddu sarà come sempre a disposizione dei turisti. Si lavora anche per attivare i percorsi guidati
con le ciaspole o gli sci per i più esperti. In questi giorni, sono state organizzate alcune “spedizioni” verso la Punta Lamarmora, che hanno attirato l’attenzione degli amanti della neve. Forme di turismo alternativo che possono dare linfa al settore ricettivo invernale.



TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro