Scuola, trasporti e sanità: 9 milioni al Mandrolisai

Concluso con la firma della Regione il progetto Snai per rilanciare il territorio Sostegno a imprese e servizi, presto il via alla pianificazione delle risorse

SORGONO. L’iter per il progetto Snai è stato finalmente completato. Lo annuncia, con grande soddisfazione, il presidente della comunità montana Gennargentu Mandrolisai all’indomani della storica firma del protocollo d’intesa che vale ben nove milioni di euro per i centri comunitari. Una pianificazione partita dal basso, dai sindaci guidati dal referente Flavia Loche e dall’ente comunitario, che ha condotto le amministrazioni interessate e l’ente comunitario a presentare un progetto nell’ambito della strategia nazionale delle aree interne. Dopo una analisi delle criticità del territorio, delle prospettive di sviluppo e delle soluzioni ai tanti problemi riguardanti economia, scuola, trasporti, sanità e servizi, le schede sono state presentate alla regione Sardegna, quindi al ministero e infine approvate dalla Ras. Sul tavolo iniziative per migliorare la rete viaria, l’organizzazione dei trasporti locali e migliorare la rete sanitaria, oltre all’attesissimo intervento sulla scuola.

L’ultimo atto formale si è tenuto ieri, alla presenza dell’assessore regionale al bilancio Raffaele Paci, del presidente comunitario Alessandro Corona, dei sindaci del territorio e di tante persone della società civile. L’iter del progetto è stato oggetto di lunghe discussioni, soprattutto con riguardo all’ambito delle scuole, dove è stata battaglia sulla strategia da seguire. Dopo l’ultimo viaggio a Roma, avvenuto ad inizio mese, i tecnici ministeriali e dello Snai, avevano già dato un via libera di massima alla strategia adottata dai comuni montani. Mancavano alcuni dati e definizioni progettuali. Integrate le schede, il progetto è stato rispedito in regione ove ha ottenuto il via libera da parte della giunta Pigliaru. Fino all’atto formale di ieri. «È una giornata storica – dice il presidente Alessandro Corona – per il territorio del Gennargentu Mandrolisai. La firma del protocollo con l’assessore Paci è un passo importantissimo per lo sviluppo globale della nostra zona. Adesso ci aspetterà una nuova stagione dove bisognerà insistere sulla unità delle amministrazioni locali per creare misure concrete di sostegno alle imprese e servizi per i cittadini. Solo un territorio unito può raggiungere traguardi importanti».

Allo studio dell’ente
comunitario ci sarà ora l’applicazione in concreto delle misure e l’impiego dei fondi ricevuti, che aiuteranno non poco un territorio ove i problemi non mancano. Ma dove, come ricorda Corona, non mancano «intelligenze e saperi, da spendere per migliorare la nostra qualità della vita».

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community