Sarind e aree ex cartiera: si chiude la liquidazione

La giunta regionale ha dato via libera al bilancio di esercizio e a quello finale Il patrimonio relativo all’ex fabbrica della carta passa al Comune di Tortolì

ARBATAX. La giunta regionale, riunitasi venerdì a Villa Devoto sotto la presidenza di Francesco Pigliaru, ha approvato (fra le altre) anche una delibera che riguarda le aree ex cartiera di Arbatax, in relazione alla Sarind srl (Società risanamenti industriali), interamente partecipata dalla Regione. La chiusura della Sarind srl, il cui commissario liquidatore, per tanti anni (dal 2012), è stato l’attuale consigliere comunale di opposizione tortoliese, l’architetto Paolo Stochino «rientra nel Piano di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie possedute dalla Regione».

L’ex compendio industriale arbataxino, si estende su 35 ettari, molti dei quali fronte mare. L’esecutivo isolano ha specificato che ora si chiude il percorso di liquidazione della Sarind srl, partecipata al 100 per cento dalla Regione. «Via libera della giunta, quindi – è rimarcato- – al bilancio di esercizio al 31 dicembre 2018 e al bilancio finale di liquidazione. Nel dicembre scorso, invece, era già stata formalmente definita la cessione alla Regione di tutte le aree e dei fabbricati, tra cui l’area dell’ex Cartiera di Arbatax». Come era stato annunciato da tanti mesi, il patrimonio relativo all’ex fabbrica della carta ora passerà «a un prezzo simbolico, al Comune di Tortolì, un passaggio vincolato alla finalità pubblica, in modo che l’area e i beni dell’ex stabilimento siano resi disponibili al Consorzio Industriale Provinciale dell’Ogliastra per dare impulso allo sviluppo di nuove attività produttive».

La Sarind srl è una società che venne creata nel 2007 dall'allora presidente della Regione, Renato Soru, per potere partecipare all'asta pubblica dell'allora Girasole-Cartiera di Arbatax, che si tenne il 3 luglio 2007 davanti al giudice della quarta sezione civile del tribunale fallimentare di Bologna. Con la società Sarind, il cui socio unico era la Sfirs, la Regione riuscì a battere la concorrenza del compianto imprenditore lombardo Franco Rusconi (allora anche presidente dell’Olbia Calcio) e ad aggiudicarsi l’asset industriale cartario e i suoi 35 ettari di aree per circa 15 milioni e 300mila euro. La Sarind srl nacque anche per favorire la riconversione della fabbrica della carta». Si tratta di aree di grande valore, considerato
che la maggior parte si trova di fronte al porto di Arbatax. Il consiglio comunale di Tortolì Arbatax, con propria deliberazione del 21 dicembre 2017, manifestò disponibilità «all’acquisizione dell’area del compendio immobiliare per destinarlo a finalità di pubblico interesse».

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community