Assalti ai portavalori: Giovanni Olianas e Luca Arzu condannati a 30 anni

Sentenza al processo celebrato a Cagliari contro i 26 accusati dei colpi messi a segno tra il 2013 e il 2016 tra Sassari, Arzachena e Nuoro

CAGLIARI. Trent'anni di reclusione per l'ex vice sindaco di Villagrande (Nuoro) Giovanni Olianas e per Luca Arzu, ritenuti dalla Direzione distrettuale antimafia di Cagliari i capibanda di un'organizzazione che, con armi da guerra, ha organizzato dal 2013 al 2016 una serie di assalti a caveau e furgoni blindati in Sardegna. È durata otto giorni la camera di consiglio del collegio presieduto dalla giudice Ermengarda Ferrarese che oggi, nell'aula bunker di Cagliari, ha inflitto condanne per quasi due secoli e mezzo di reclusione a 24 dei 26 imputati. Due sono stati assolti da tutte le accuse. Accolte in buona parte le richieste del pubblico ministero Danilo Tronci: oltre ai 30 anni per Olianas e Arzu, sono stati condannati a 20 anni di carcere Angelo Lostia e Sergio Arzu e a 21 anni Fabrizio Manca. Assolta Tania Serra, la moglie di Luca Arzu, e Rossano Murru.

Condanne pesanti anche agli altri imputati. Sette anni e mezzo a Gianluigi Olianas, 13 anni a Mario Pirari, 18 anni a Simone Balloi, 4 anni e mezzo per Pasquale Bellu, 12 anni per Michele Cherchi, 2 anni e 8 mesi per Maria Rosa Coda e 4 anni a Silvana Conti, moglie di Olianas, 8 anni a Salvatore Deriu, 4 anni e 2 mesi a Pietro Paolo Lotto, 11 anni per Antonello Mesina, 3 anni per Francesco Monni, 4 anni per Carlo Olianas, 3 anni per Gavino Pira, 7 anni per Giovanni Salvatore Pirisi e 10 a Carmelo Soru, 15 anni per Pasquale Scanu, 6 anni per Roberto Serra e altrettanti rispettivamente per Manuele e Matteo Soro. È caduta per tutti i principali imputati l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di droga, ma non quella finalizzata alle rapine. Il giudice ha anche disposto che per alcuni testimoni fossero trasmessi gli atti in Procura perché ritenuti falsi. Tra i colpi contestati alla banda ci sono la rapina alla sede della Vigilanza Sardegna di Nuoro (14 ottobre 2013, con un bottino di cinque milioni di euro), il tentativo di assalto alla Mondialpol di Arzachena (27 luglio 2015), il colpo al portavalori della Vigilpol

sulla Statale 131 a Bonorva (1 settembre 2015, bottino 500mila euro), le tentate rapine a portavalori a Siligo e Barbusi (il 23 novembre e l'1 dicembre 2015) e gli assalti falliti ad altri blindati Mondialpol (il 7 dicembre 2015 sulla Ardara-Siligo e il 21 dicembre 2015 sulla Olbia-Sassari).

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community