ospedale san francesco 

Pneumologia, visite ancora sospese

La protesta dei pazienti, molti in età avanzata, rispediti a casa

NUORO. Code al cup per prenotare le visite pneumologiche, ma il servizio è interrotto. Chi ha problemi alle vie respiratorie se ne faccia una ragione: negli ospedali cittadini anche una semplice visita ai polmoni non è garantita. A segnarlo è un gruppo di pazienti che ieri mattina sono stati rispediti a casa dopo aver cercato di prenotare gli esami prescritti dal proprio medico curante. «La situazione è inaccettabile – sottolinea con rabbia Gianfranco Uras, uno dei pazienti ai quali non è stato garantito il servizio –. Ieri mattina al Cup dell’ospedale San Francesco eravamo una decina di persone con l’impellente necessità di prenotare una visita alle vie respiratorie, ma le risposte che ci sono state date non hanno soddisfatto le esigenze: le visite pneumologiche sono per il momento sospese a data da definirsi. Sono reduce da una brutta influenza che mi ha causato pesanti problemi respiratori, ma purtroppo non mi è consentito sapere quale sia il mio stato di salute. La cosa più triste è che dal Cup non hanno saputo nemmeno dirci quando il servizio riprenderà e neanche in quale ospedale del territorio è possibile eseguire le visite prescritte – aggiunge con rammarico il 75enne nuorese –. Mi sento abbandonato a me stesso con il rischio che il mio problema si cronicizzi». La storia è sempre la stessa: personale ridotto all’osso, medici trasferiti e mai rimpiazzati e blocco del turnover.

A soffrire dei tagli alla sanità nuorese è anche il reparto di Urologia che per carenza di specialisti ha spostato le visite urologiche di oltre un anno. «Oltre il danno dunque anche la beffa – prosegue l’ex insegnante – dopo aver ricevuto la chiamata di rinvio della visita urologica di un anno, oggi (ieri ndr) un’altra amara sorpresa. A settantacinque ormai non si ha più paura di niente, ma credo non sia giusto lasciare una persona in questo limbo, in cui non sa se tutto è apposto oppure no. Il rischio in questi casi è che le cose vengano scoperte troppo tardi, quando non c’è più niente da fare».

La grave situazione dell’ospedale è stata segnalata anche dal consigliere regionale Daniele Cocco, dove attraverso un interrogazione
metteva in luce «la gravissima situazione dell’ospedale Cesare Zonchello di Nuoro», sottolineando inoltre la necessità di una seria rivalutazione dell’intero organico dell’ospedale di Nuoro «basato sull’effettivo fabbisogno assistenziale dei territori interni della Sardegna».

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community