“Sa reina” di Alessandro Catte strappa applausi

Successo della prima dell’opera musicale ispirata alla figura della donna bandito dell’Ottocento

NUORO. Un sold out annunciato e un fiume in piena di applausi, per la prima assoluta de “Sa reina”, l’opera scritta dal maestro Alessandro Catte che, in un Teatro Eliseo pieno in ogni ordine di posto, è andato in scena in occasione della 11^ edizione di “Canti dall’Ortobene”, la rassegna tematica che l’Associazione culturale Coro Ortobene organizza dal 2009. Partenza con il botto con l’assegnazione dell’undicesimo Premio Ortobene, assegnato quest’anno al maestro Franca Floris. La direttrice del Complesso Vocale di Nuoro ha ricevuto l’ambito premio per la sua carriera costellata di successi e soddisfazioni artistiche conquistate nell’isola ma anche in campo nazionale ed internazionale. «Non ho parole – ha detto Franca Floris mentre ritirava l’opera realizzata da Roberto Ziranu – sono molto emozionata, forse non sono all’altezza di questo prestigioso riconoscimento ma voglio sottolineare il mio legame con questa città, che nacque proprio grazie al Coro Ortobene».

Quest’anno, un nuovo progetto ambizioso: gli spettatori hanno avuto l’occasione di conoscere la figura di Sa reina, Maria Antonia Serra Sanna, sorella dei latitanti Giacomo ed Elias. I due fratelli perirono nella battaglia di Morgogliai nel luglio 1899 mentre la sorella fu arrestata il 15 Maggio dello stesso anno con l’accusa di favoreggiamento ed è lì che finì la sua storia insieme alle sue malefatte. Un unico atto, 12 scene, 11 attori e 2 cori protagonisti: l’Ortobene e il Coro femminile Ilune di Dorgali diretti entrambe da Catte; è a loro che sono stati affidati l’interpretazione degli stati d’animo de sa Reina e i commenti musicali all’opera. «Una bellissima serata – ha commentato il maestro Alessandro Catte - aperta con il giusto tributo a Franca Floris che ha ritirato il Premio Ortobene 2019. Poi Sa reina. Per me un’emozione unica. Vedere messa in scena l’opera mi ha ripagato di tanti sforzi condivisi con le altre 60 persone che hanno lavorato e impreziosito questo laborioso progetto. L’affetto e il calore del pubblico è stata la miglior risposta che ha ripagato tutti gli sforzi». L’opera è stata scritta interamente da Alessandro Catte, sia per quanto riguarda il libretto sia per la parte musicale che è stata eseguita da un orchestra di nove elementi. Molto importante il lavoro di ricerca sugli abiti di scena: i costumi tradizionali, curati da Barbara Bussa: «Uun lavoro affascinante ed impegnativo, una ricerca certosina – ha detto l’appassionata
di costumi - che ha portato sul palco preziosità dell’epoca come le “palas” che hanno contribuito alla realizzazione di un’opera di alto livello». Applausi a non finire anche per gli attori e soprattutto per la protagonista: Sa reina è stata interpretata dall’attrice Vittoria Marras.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller