Studenti a lezione di sostenibilità grazie agli artigiani

Lodè, i ragazzi hanno incontrato un fabbro e un intagliatore Con loro hanno discusso di tradizioni e di riuso degli oggetti

LODÈ. È stata portata a termine la prima fase del Progetto “S'Intesa” del comune di Lodè e Ceas Montalbo incentrata sugli incontri dei ragazzi delle scuole con gli artisti e artigiani locali finalizzati a una maggiore conoscenza e promozione del Parco Tepilora e della Riserva di Biosfera “Tepilora, Rio Posada e Montalbo”. Martedì e mercoledì si sono, infatti, svolte due visite ai laboratori di due artigiani lodeini: Giuseppe Nanu, intagliatore del legno, e Paquale Farris, mastru 'erreri, ossia fabbro. Il primo incontro si è aperto all'insegna del dibattito sulla stretta attualità, su quanto avvenuto venerdì scorso (sciopero della scuola per il clima) grazie a Greta Eleonora Thunberg Ernman, la 16enne attivista svedese, per lo sviluppo sostenibile. Questo tema è stato utilizzato come apripista per parlare, poi, dell'artigianato anche in un'ottica di riutilizzo degli oggetti e diminuzione della plastica. Nanu infatti, ha spiegato come un tempo, prima che l'avvento del consumismo e dell'era “usa e getta” ci travolgesse, sulle tavole dei lodeini regnassero una serie di oggettistica in legno, più volte riutilizzata e, all'occorrenza, anche riparata. Dopo una breve introduzione l'artigiano è stato intervistato dagli studenti: domande che hanno spaziato dalle motivazioni che lo hanno spinto verso l'intaglio a domande più tecniche ossia quali tipo di legno viene lavorato e con quali attrezzi. La mattinata si è poi chiusa con dimostrazioni pratiche sulla lavorazione del legno con sgubbie, scalpelli e martelli. Nella seconda mattinata Pasquale Farris, dopo la rituale intervista dei ragazzi, ha invece sviscerato la procedura della lavorazione del ferro, dalla creazione del carbone dall'erica scoparia (castannàgliu), all'accensione del fuoco e alla battitura del ferro caldo, raccontando ai ragazzi i segreti del
mestiere. Spiedi, ferri di cavallo, roncole e decorazioni artigianali, i suoi manufatti, che hanno colpito la fantasia degli alunni. Entusiasmo alle stelle da parte dei ragazzi nel provare la forgia per attizzare il carbone o nel battere il ferro caldo posto tra l'incudine e il martello.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller