Orosei, vandali armati di vernice spray tra le rocce di Cala Liberotto

Uno scempio, grave quanto gratuito, è stato messo in atto da anonimi vandali a Cala Giglio

OROSEI. Una lettrice ci segnala, indignata, uno scempio, grave quanto gratuito, messo in atto da anonimi vandali nella spiaggia di Cala Liberotto nota come Cala Giglio. Su numerose rocce sono stati tracciati con vernice rossa incomprensibili graffiti e lettere senza alcun senso compiuto. La scoperta è stata fatta nello scorso weekend da un gruppo di persone particolarmente affezionate alle bellezze della costa di Orosei, che sono rimaste letteralmente senza fiato.



Abbiamo girato la loro segnalazione e le foto del misfatto al sindaco di Orosei Nino Canzano, che ha reagito con indignazione e profonda tristezza per quanto accaduto. «Esprimo tutto il mio disappunto per l’insensibilità di determinate persone che mettono in atto comportamenti vandalici verso beni naturali che appartengono a tutti e dovrebbero essere considerati intoccabili. Persone che qualche volta si mascherano da ecologiste e poi si comportano esattamente al contrario. Quanto accaduto a Cala Liberotto ci rattrista profondamente, purtroppo i casi di vandalismo sono in aumento anche a Orosei. È evidente che non possiamo essere presenti dappertutto per vigilare, per cui ci auguriamo che gesti imbecilli come questo vengano messi all’indice. Per quanto ci riguarda – conclude il sindaco di Orosei, Nino Canzano – vedremo se sarà possibile rimuovere quanto messo in atto dai vandali, augurandoci che la vernice non sia indelebile e che non succedano più questi episodi inclassificabili».

Gli autori dei graffiti sono rimasti anonimi, ma negli stessi giorni è stato notato un bivacco di più persone in prossimità della stessa spiaggia, dove è ovviamente vietato il campeggio libero.
 

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community