Trekking al Selvaggio Blu Baunei approva il ticket

Via libera del consiglio comunale al pagamento e al numero chiuso: 40 al giorno Negli ultimi tre anni biglietti per Goloritzé e contingentamento a Biriala e Mariolu 

BAUNEI. Ieri sera il consiglio comunale ha deliberato, con sette voti favorevoli della maggioranza e l’astensione di due membri dell’opposizione, l’approvazione della nuova organizzazione (o regolamento) per quanto attiene il Selvaggio Blu, uno dei trekking più belli e impegnativi a livello europeo. A breve sarà parte integrante dell’ordinanza 2019 per l’uso turistico del territorio civico comunale. La proposta di organizzazione, pochi giorni fa, in commissione usi civici, è stata approvata anche dalla minoranza. Dal primo giorno di maggio verrà istituito il numero chiuso con non più di 40 escursionisti giornalieri, e ognuno dovrà pagare un ticket di 30 euro. In definitiva, viene previsto «un sistema di organizzazione delle presenze giornaliere lungo l’itinerario del Selvaggio Blu e dei bivacchi individuati lungo il sentiero nei previsti cinque giorni di percorrenza». Verrà quindi attivata una segreteria per il coordinamento dei flussi, i bivacchi saranno organizzati e gestiti direttamente dal Club di prodotto Supramonte di Baunei (pulizia e manutenzione aree) mentre il controllo sarà per competenza, in carico alla polizia municipale e al corpo barracellare. Il costo del contestato ticket che ogni fruitore del Selvaggio Blu dovrà sostenere sarà di 30 euro. «E questi – come era stato già sottolineato – serviranno a coprire i costi per i servizi che l’organizzazione garantirà, i costi di segreteria, il sistema di prenotazione, la cura dei bivacchi, la cartellonistica. I bivacchi sono organizzati in modo da permettere ogni notte un numero massimo di 40 persone».

Il tutto era già emerso, giovedì 14, nella riunione di presentazione della proposta dell’organizzazione del Selvaggio Blu, tenutasi fra gli amministratori comunali, il Club di prodotto di Supramonte di Baunei e gli operatori turistici locali, commerciali e dell’artigianato locali. Pochi giorni fa, a schierarsi contro tale proposta di organizzazione del Selvaggio Blu, che ieri è stata approvata dall’assemblea civica, sono stati la sezione isolana del Cai, il Gruppo di intervento Giuridico e anche la Federparchi. Le associazioni, come è stato evidenziato non contestano il numero chiuso che prevede un massimo di 40 escursionisti al giorno, ma bensì «il pagamento del ticket, la chiusura alla libera fruizione della strada dell’altopiano del Golgo presso Ololbizzie, l’obbligo ad appoggiarsi a una delle logistiche autorizzate e il pagamento di un ticket».

Nell’arco di un triennio, nel territorio baunese si è prima arrivati al pagamento del ticket
per accedere al sentiero che porta a Cala Goloritzé e farvi il bagno, seguito, a distanza di due e un anno, dal contingentamento delle presenze a Cala Biriala e a Cala Mariolu . E da ieri, il Selvaggio Blu. Questa estate potrebbero essere stabilite le presenze massime a Cala dei Gabbiani.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community