Talana, bandito solitario tenta di rapinare le Poste

Il malvivente, armato di pistola, ha agito alla chiusura ma è stato messo in fuga L’impiegato ha dato l’allarme. A dicembre un altro colpo: bottino 50mila euro

TALANA. Quattro mesi fa il primo dicembre 2018, alle 13, orario di chiusura, il colpo all’ufficio di Poste Italiane, nella centrale via Vittorio Emanuele, fruttò 50mila euro a due malviventi. Ieri, allo stesso orario, un rapinatore solitario è rimasto a mani vuote. L’unico impiegato che lavora a Talana – in questi giorni un dipendente dell’ufficio di Tortolì, visto che il direttore-impiegato è ancora in infortunio dopo avere subito tre rapine in due anni, l’ultima a dicembre – nei locali riservati all’utenza, ha visto una persona con il viso travisato e armato di pistola. A cenni gli ha intimato di aprire la porta blindata della stanza in cui stava, e in cui vi è la cassaforte. L’impiegato si è nascosto, dando l’allarme al 112. Il malvivente, dopo pochi secondi è corso all’esterno, scappando nelle vie interne. Sul posto sono arrivati i carabinieri della squadriglia di Arzana, con i colleghi delle stazione di Urzulei e Talana – al comando del capitano Claudio Paparella – che stanno svolgendo indagini. «Non si deve dare la colpa a Poste Italiane, sostenendo che fanno le rapine perché mancano le telecamere– dice il sindaco Franco Tegas – la verità è che, in primis, dobbiamo cambiare la nostra cultura. Dobbiamo pensare all’ufficio postale come se fosse nostro. Se poi ci sono degli adeguamenti negli uffici, rendendoli più sicuri, e si piazzano anche le telecamere, questo può fungere da deterrente». Per il segretario provinciale dell’Ugl Poste, Mario Deiana, nell’ufficio di Talana «non vi sono le condizioni di sicurezza per potervi lavorare:
o si utilizza una guardia giurata, oppure devono esservi le forze dell’ordine negli orari di apertura e di uscita». Oltre alla rapina del dicembre 2018, un’altra ne venne messa a segno il 12 dicembre 2017 (2.400 euro il bottino), mentre quella del 31 agosto 2016 ne fruttò 70mila.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community