Tonara festeggia il torrone economia e prelibatezza

A Pasquetta la quarantesima sagra del dolce principe del Gennargentu Un giro d’affari che muove il 50 per cento della ricchezza del paese barbaricino

TONARA. La sagra di Pasquetta si prepara ad accogliere i visitatori di tutta la Sardegna, per festeggiare il suo 40esimo compleanno. Tanto tempo è passato da quando si decise di valorizzare il dolce principe di questo angolo di Gennargentu, il più conosciuto nell'isola, la cui fama ha ormai varcato quasi tutti i confini del mondo conosciuto.

Dal torrone dei “carrettoneris”, a quello degli ambulanti, a quello semiartigianale ed infine industriale. Un giro di affari che costituisce il 50 per cento dell'economia del paese e che è diventato un leit motiv culturale, nonché una formidabile attrattiva turistica. Assieme al torrone, la sagra è divenuta veicolo promozionale di tutte le attività del paese. In particolare della fabbricazione dei campanacci, dove le famiglie Sulis e Floris sono le ultime custodi di un'arte antica che caratterizza il paese quanto il torrone.

Non c'è ovile in Sardegna, ma anche tantissimi sono gli allevatori sardi stabiliti nella penisola italiana, che non utilizzi i tipici sonaggios tonaresi, interamente realizzati a mano in ogni fase, dalla fabbricazione all'accordatura. Tonara è anche la poesia di Peppinu Mereu, il suo pane, i tanti dolci realizzati dalle artigiane del paese e un centro ospitale che attende l'arrivo dei turisti. L'amministrazione guidata da Flavia Loche ha ideato un programma imponente per celebrare degnamente l'evento, che vede coinvolti la Pro loco, i cori polifonici, le associazioni culturali.

Il Comune festeggia anche l'inserimento nell'elenco dei borghi autentici d'Italia e il gemellaggio con l'istituto Confucio e l'università Sant'Anna di Pisa che ha portato in paese una delegazione della comunità cinese, attiva nell'istituto. Sarà un momento di commistione culturale, con la presentazione di diverse attività da parte degli educatori e artisti cinesi. Stamane il paese si ritroverà lungo le vie per la celebrazione dei riti de S'Incontru, evento conclusivo di una partecipatissima settimana santa.

Domani dalla prima mattinata gli eventi legati alla sagra. Gli stand saranno allestiti in via della Regione, mentre in centro storico sarà possibile ammirare i monumenti cittadini come la chiesa di San Gabriele e la Casa Porru. Alla casa Pulixi si terrà invece uno spettacolo musicale con canti in bilico, concerto aereo per i sognatori. In Comune sarà invece allestita
la mostra “Andando via, Maria Lai omaggia Grazia Deledda”. La parentesi musicale, curata e presentata da Giuliano Marongiu, inizierà alle 11.30 con il concerto non stop che vedrà protagonisti Piero Marras, Zirichiltagghia, Brinca, Cantidos, Janas, Melodias Arkanas e Tenores di Bitti.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community