Premio a Ida Di Cesare storica ostetrica nuorese

Oggi 80enne, ha visto nascere centinaia di bimbi con passione e professionalità «Un onore ricevere questo riconoscimento, sono felice di aver lasciato il segno»

NUORO. Una donna per le donne, il capoluogo della Barbagia premia l’ostetrica Ida Di Cesare. L’evento è stato organizzato dall’associazione Holos in collaborazione con il Comune di Nuoro, per premiare una donna che ha aiutato a nascere ben tre generazioni. «Il Premio Nugoro – racconta l’esperta di terapia familiare Rosanna Ganga – è stato ideato per la prima volta per onorare la donna che ha prestato la sua professionalità alle donne nuoresi: l’ostetrica signora Ida come viene comunemente identificata. La conoscenza con lei, risale a 30 anni fa. Una pietra miliare nella sua professione: con l’amore e la sicurezza che trasmette, sia nella gravidanza che nel momento del parto e post partum, è un aiuto prezioso quasi insostituibile. Per moltissime è stata, ed è una risorsa, ti entra nel cuore lasciando un segno prezioso nei tuoi ricordi». All’incontro, coordinato dal giornalista Antonio Rojch, è intervenuta anche l’assessora alla Natalità Rachele Piras che ha ringraziato signora Ida a nome di tutta la città. Dagli anni Settanta è diventata l’ostetrica delle case correndo anche qualche rischio. È stata una grande mamma per tutti ed è da questo concetto che nasce la bella storia che gli organizzatori hanno voluto raccontare a una sala gremita. L’ostetrica è stata premiata con una scultura intitolata “La nascita” realizzata dall’artista Maria Grazia Dettori: un simbolo dell’attività del personaggio che ha lasciato una profonda traccia nella storia di Nuoro. Antonio Rojch ha tracciato la figura: «Sulla scia della tradizione dei grandi medici nuoresi – ha commentato – nonostante le tecnologie, in Sardegna, c’è chi preferisce ancora partorire in casa. Ida Di Cesare, una figura di rilevanza anche sociale, quando vedeva che la famiglia non poteva pagare la prestazione, andava nelle case gratuitamente. È una figura che si inquadra perfettamente nel quadro storico della Nuoro ancora povera nonostante l’incremento demografico». All’incontro sono intervenute diverse mamme assistite, e figlie fatte nascere, una sorpresa per l’ostetrica che all’età di 80 anni continua a dare il suo contributo. «Grazie a tutti – ha commentato emozionata la storica ostetrica
– è stato bellissimo percepire l’affetto delle tante mamme che ho aiutato. Ricevo questo premio con grande piacevole sorpresa, felice di essere riuscita a lasciare il segno in un territorio al quale mi sento legata da sempre. È stato un onore ricevere questo riconoscimento».



TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community