il caso 

Orientale sarda, strada delle croci un mese fa lo schianto in moto

SINISCOLA. Un tratto di strada davvero pericoloso. Tant’è vero che non è passato neppure un mese dall’ultima tragedia sull’asfalto, che già si registra una nuova croce. È del 21 aprile scorso,...

SINISCOLA. Un tratto di strada davvero pericoloso. Tant’è vero che non è passato neppure un mese dall’ultima tragedia sull’asfalto, che già si registra una nuova croce. È del 21 aprile scorso, infatti, la morte di un giovane centauro, un turista di Viareggio, che ha prima impattato con il guardrail ed e poi volato giù dal viadotto di Tres Vuccas, sulla statale 125 che unisce Siniscola a Santa Lucia, a meno di quattrocento metri di distanza dal punto in cui è successo l’incidente mortale di ieri mattina. Un mese fa la vittima è stata Elia Pietschmann, 29 anni, morto durante il trasporto in ospedale a Olbia. Alla guida di una moto, il giovane aveva perso il controllo del mezzo ed era volato giù dal cavalcavia davanti agli occhi del padre, anch’egli motociclista,
che lo seguiva a poca distanza. Padre e figlio trascorrevano qualche giorno di vacanza assieme. Le condizioni del giovane erano apparse subito gravi. Ieri mattina, invece, inizialmente le condizioni di Zurru non sembravano così gravi: la situazione tuttavia è precipitata poche ore dopo.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli