Tonara, progetto sul cyberbullismo

Giornata conclusiva di un percorso che ha coinvolto gli studenti e le istituzioni

TONARA. Un secco no al cyberbullismo e voglia di informarsi e fare divulgazione su quella che è una autentica piaga per i giovani. I rischi della rete e la prevenzione dalle devianze via web, sono state analizzate nella manifestazione di ieri mattina a Tonara. La scuola secondaria di primo grado, in collaborazione con un comitato di genitori e del Comune, ha organizzato la giornata conclusiva del progetto “No al cyberbullismo!”, promosso con l’intento di creare un movimento di sensibilizzazione su questa tematica. Già dagli scorsi anni, gli studenti tonaresi si erano resi protagonisti di una serie di attività su tema. Cortometraggi, pannelli disegnati, ricerca e monitoraggio dei rischi in rete. A supportarli, un gruppo di genitori ed insegnanti telematici che offre il proprio contributo. Il sunto di questo impegno è stato presentato ieri nel teatro comunale. All’evento hanno partecipato la prefetta di Nuoro Anna Aida Bruzzese, la sindaca Flavia Loche, il parroco di Tonara don Maurizio Scanu, il comandante della compagnia dei carabinieri capitano Marco d’Angelo, il responsabile della polstrada di Fonni Liberato Sau, l’ispettore superiore Antonello Paba, comandante del corpo forestale territoriale, il sindaco di Desulo Gigi Littarru, Paola Raspitzu dell’Assl di Sorgono, e altri amministratori locali. Dopo i saluti del sindaco, sono intervenuti la prefetta di Nuoro, che ha lodato l’impegno dei giovani nella promozione di questi eventi, Marinella Ariu dell’Assl di Nuoro, referente del progetto, la docente del comprensivo Tonina Lonzu, il comandante Liberato Sau e gli studenti. Proprio questi ultimi hanno destato viva impressione, per la loro dedizione al progetto. «È stato un momento importantissimo – sottolinea il sindaco Loche – perché ha trattato di un tema delicato, che i nostri giovani seguono con grande sensibilità. Le problematiche legate
al cyberbullismo sono note e fa piacere che vi sia grande consapevolezza nei nostri giovani, nei genitori e nella scuola sulle soluzioni. Ringrazio tutte le autorità intervenute: la presenza della chiesa, autorità militari e civili è un forte segnale di coesione contro questa piaga».

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community