Desulo attende il Corpus Domini questa sera il corteo dei costumi

Centinaia di persone con indosso l’abito tradizionale attraverseranno il paese addobbato a festa Per ogni altare un voto e una preghiera: è il senso di un rito affascinante radicato nel tempo

DESULO. Un rito carico di fascino, che si tramanda da tempi immemorabili e coinvolge tutto il paese. La processione, i suoi altarini lungo strada, la devozione di giovani e anziani. Tutto questo è il Corpus Domini, funzione religiosa altamente scenografica che si terrà questo pomeriggio a Desulo lungo il corso principale del paese. Dopo la processione della domenica delle Palme, quella del Corpus Domini è forse la più sentita, vista la partecipazione e le ritualità. Da venerdì sera, tutto il paese è impegnato della ripulitura degli angoli ove vengono allestiti gli altarini.

Dal rione di Asuai a Issiria, circa tre chilometri di percorso, vi sono dei punti noti, dove ogni famiglia o vicinato allestisce un altarino. Si inizia con la pulizia, poi la sistemazione e gli addobbi dei piccoli altari. Lenzuola candide, un letto di fiori e rami di sambuco per adornare ulteriormente. E nei balconi i vengono esposte le coperte plissettate e i mantas de fogiudu. Per ogni altare c'è un voto, una storia non raccontata o tramandata. E ad ogni sosta vi è una preghiera particolare, una dedica, una richiesta al cielo, un ringraziamento.

La processione parte dalla parte bassa del paese e si snoda lungo la via Cagliari. Di quì, dopo le soste negli altarini di casa Mannu Gioi, piazza Tonino Puddu si prosegue sino ad arrivare al caseggiato scolastico delle scuole medie. Poi la lunga sosta in piazza de Gasperi, il passaggio nella via Lamarmora e infine l'arrivo in parrocchia.

Per l'occasione le prioresse indossano l'abito tradizionale, i confratelli la tipica tunica e il sacerdote la veste rituale. Ogni passo viene documentato da decine di fotografi, che per ogni anno si danno appuntamento per l'occasione.

«Documentare questa tradizione – spiega Michelangelo Zanda, autore di tantissime immagini del rito – è una occasione importante per raccontare una tradizione e i suoi cambiamenti. La processione ha i suoi aspetti gestuali che nel corso del tempo sono mutati; c'è qualche altarino in meno, forse meno arredi. Ma la devozione è sempre uguale e accompagna nonne, madri e nipoti, proseguendo in un infinito ciclo di tramandazione».

Al termine della funzione, la popolazione di Desulo di ritroverà in parrocchia per assistere alla messa, officiata dal parroco don Mariano Pili
che presiederà tutto il rito. Per Desulo continuano i giorni di festa; dopo la riuscita festa di Sant'Antonio, organizzata dal comitato retto da Donatella Chessa, il Corpus Domini precede la ricorrenza di San Pietro, nell'omonimo vicinato e quella di santu Sobostianu de istade, ad Asuai.

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

SCRIVERE: NARRATIVA, POESIA, SAGGI

Come trasformare un libro in un capolavoro