Project financing, spiraglio per i lavoratori

Incontro tra le aziende e le commissioni Sanità e Lavoro del Consiglio regionale. Delibera da bloccare

NUORO. Riunione congiunta delle commissioni Lavoro e Sanità del Consiglio regionale per ascoltare le ragioni delle società del Project financing di Nuoro. Nella seduta fiume andata avanti per oltre quattro ore i rappresentanti delle imprese che fanno capo al Polo sanitario della Sardegna centrale, preoccupati per il futuro di 500 lavoratori e per i servizi in virtù delle recenti delibere dell’Ats che affidano ad altre realtà i servizi, hanno elencato tutte le problematiche ai componenti dei due organismi, presieduti rispettivamente da Alfonso Marras e Domenico Gallus.

«La vicenda è molto complessa, abbiamo comunque predisposto un risoluzione all’unanimità con la quale chiediamo all’assessore alla Sanità Mario Nieddu di dare indicazioni al futuro commissario dell’Ats affinché sospenda le delibere» è il commento di Marras a fine incontro.

«Da parte dei due organismi c’è la volontà politica – prosegue il presidente della seconda commissione – di coinvolgere chi di competenza perché le problematiche possano trovare una soluzione sia per l’erogazione dei servizi sia per i lavoratori».

Soddisfazione per l’andamento del faccia a faccia è stato espresso da Anna Maria Giuntini, a capo della Ph Facility, uno dei soci operativi del Polo, titolare del contratto di concessione annullato in sede di autotutela dalla Assl di Nuoro e salvato, in buona parte, da Tar e Consiglio di Stato.

«Abbiamo riscontrato un ambiente favorevole all’ascolto e una volontà di comprensione notevole. Pensiamo, inoltre, che i consiglieri abbiano recepito le nostre ragioni» ha dichiarato Giuntini che in una lettera ha chiesto la riattivazione del tavolo di concertazione interrotto dall’Ats.

«Credo e spero che le questioni sollevate trovino una risposta concreta: ora attendiamo dell’assessore e del nuovo commissario dell’azienda unica» ha sottolineato la manager che ha
aggiunto: «qui stiamo parlando non di numeri su pezzi di carta ma del lavoro e delle vite di centinaia di persone che vengono messi in discussione da atti, secondo noi, illegittimi. Atti che potrebbero sortire i loro effetti da qui ai prossimi 15 giorni».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community