Sindia, volontari in prima fila contro gli incendi

SINDIA. Nonostante l’esiguità dell’organico a disposizione, nove persone in tutto, i volontari del servizio antincendio di Sindia dai primi di agosto, e per tutto il mese di settembre, si spendono...

SINDIA. Nonostante l’esiguità dell’organico a disposizione, nove persone in tutto, i volontari del servizio antincendio di Sindia dai primi di agosto, e per tutto il mese di settembre, si spendono per presidiare ogni giorno, dalle dieci del mattino fino al tramonto, i quasi sei mila ettari del territorio comunale e per prevenire lo scoppio di eventuali incendi. Non solo, dall’anno scorso cinque di loro sono abilitati anche allo spegnimento del fuoco assolvendo ad un compito non sempre facile e pieno di rischi: «Operiamo in turni da due, un autista ed uno spegnitore, percorrendo le strade rurali a bordo di un mezzo dotato di un modulo da 500 litri. Agiamo di concerto con le vedette di Monte Sant’Antonio e di Farcana ma talvolta siamo noi stessi a segnalare lo scoppio dei focolai facilitando l’intervento del corpo forestale, della protezione civile e, nei casi più gravi, dell’elicottero». Tra fine agosto e i primi giorni di settembre i volontari sindiesi sono intervenuti più volte, soprattutto nelle zone di Santa Barbara, Tziu Andria, Badu Iscanesu-Creos, Mariotto. «Nelle campagne di Sindia è questo il periodo più difficile – spiegano i volontari, reduci da uno dei tanti interventi della giornata – perché taluni procedono all’abbrucciamento
di pascoli e stoppie anche in assenza delle autorizzazioni prescritte per legge. In ogni caso noi siamo sempre pronti ad attivarci per evitare danni al patrimonio boschivo, ad animali e aziende agricole. Un impegno duro e costante ma che ci stimola e ci gratifica». (s.b.)

TrovaRistorante

a Nuoro Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community