Percorso ginnico nell’ex ferrovia

Calangianus, il Comune installa attrezzature sportive. Ma Amadori teme i vandali

CALANGIANUS. Dai primi di maggio, con la bella stagione la ex ferrovia Calangianus-Monti diventa una palestra a cielo aperto. In uno scenario incantevole, fra i caselli 14 ed 16 sarà collocato un percorso ginnico di venti stazioni destinato a rappresentare una valida alternativa per chi ama lunghe camminate rilassanti. Dove un tempo passava il treno, d’ora in poi transiteranno podisti e appassionati di jogging e ginnastica, i quali potranno praticare le loro attività sportive all’interno di uno dei siti ambientali e turistici più caratteristici del territorio. L’attrezzatura è già pronta da mesi ed è quella che giace nei locali della casermetta dei vigili.

L’idea dell’amministrazione comunale era inserire un percorso ginnico per chi, camminando in percorsi ricavati in mezzo al bosco gallurese, vuole allenarsi con appositi attrezzi, che d’ora in poi daranno a disposizione, con particolare attenzione per sicurezza e ambiente: sono stati infatti scelti materiali amici della natura. In particolare gli appassionati troveranno le tabelle in Pvc con scrittura serigrafata, montate su pannelli in legno impregnato e fissate nel terreno con pali di sostegno, quindi attrezzature per il fitness da esterno, realizzate in acciaio.

Per il Comune di Calangianus è previsto un costo finale di 13.700 euro. Il delegato all’ambiente, Lollo Amadori,si dice molto orgoglioso del progetto: «Si realizza un mio sogno – dice –, abbiamo aspettato qualche mese per preservare il materiale dalle intemperie. A giorni saranno sistemate

le attrezzature». Ora il timore è quello dei vandali. «Lancio un appello alla grande famiglia di amanti della natura che frequenta l’ex ferrovia. Vigiliamo perché le attrezzature siano rispettate e non danneggiate. Questo percorso attirerà gente anche dai paesi vicini». (p.z.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare