Museo Mud’A, stagione eccellente

Aglientu, il concerto per arpa chiude la rassegna musicale “La corda e l’anima”

AGLIENTU. Le note dell’arpa di Lucia Careddu hanno chiuso, sabato, la rassegna musicale “La corda e l’anima”, al museo “Mud’A” di Aglientu. La prima serata aveva visto protagonista, invece, il chitarrista Marco Carta. Due talenti isolani di raffinata bravura per una rassegna all’interno dei locali di un museo che, contemporaneamente, ospitava anche una mostra d’arte sull’arte africa che ha ispirato artisti di fama internazionale come Picasso, Modigliani, Biasi e altri.

E il “Mud’A” fa sempre più tendenza. La serata con il concerto per arpa, che ha visto come interprete Lucia Careddu, ha chiuso una stagione eccezionale per il Mud'A'. “Una stagione - come spiega il direttore Luigi Agus - che ha visto più che raddoppiare gli ingressi in generale e quadruplicare in periodo di bassa stagione come maggio, giugno e ottobre, con persone che sono venute da ogni parte dell'isola per visitare una realtà che può considerarsi ormai consolidata».

In particolare la mostra sull'arte africana e i due concerti di ottobre hanno richiamato un pubblico davvero numeroso e inaspettato che ha popolato il piccolo centro gallurese. «Dati che ci confortano - continua Agus - e che ci spingono a proporre iniziative culturali di alto livello anche nei mesi invernali. Al momento, sono in fase di progettazione degli eventi che andranno pensati assieme all'amministrazione comunale. Altrettanto importante è l'accordo raggiunto con il Conservatorio

di Sassari, che permetterà di sviluppare ulteriori iniziative, come l'adesione del Mud'A' alla giornata del Contemporaneo dell'Amaci (l'Associazione dei Musei d'Arte Contemporanea Italiani) e la prima mostra estiva organizzata di concerto col liceo artistico di Sassari». (s.d.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller