olbia

Esplode il crocifisso elettrico: paura in casa

Distrutta una stanza in una palazzina di via Barcellona. Si tratta di un incidente. Non ci sono feriti

OLBIA. Esplosione e paura, ieri sera, in un appartamento di via Barcellona, al numero sei. Al secondo piano di una palazzina che appartiene alla nota famiglia Muzzetto, uno scoppio terrificante ha fatto tremare i muri. Non solo. E’ in parte crollata una parete, alcune porte sono andate distrutte, i vetri di una finestra si sono frantumati e una tapparella si è gonfiata verso l’esterno. Un danno enorme per quello che, in base alle informazioni raccolte, è stato solo un incidente domestico. Che non ha avuto conseguenze gravi (non ci sono stati feriti, per fortuna), ma che fa comunque pensare a un dramma sfiorato. Nell’appartamento devastato in parte, c’era in quel momento una delle ragazze che lo ha preso in affitto e che, terrorizzata, è subito corsa a cercare aiuto. Sono stati proprio i proprietari della palazzina a dare l’allarme, prima ancora che si potessero rendere conto di che cosa fosse realmente accaduto. Non ci sono certezze assolute. Ma l’unica è quella della casualità.

Tutto sarebbe partito da un crocifisso elettrico che si illumina e che sarebbe scoppiato proprio vicino a una bomboletta spray di deodorante: sembra quasi strano, ma è così che si sarebbe scatenata l’esplosione. Sul posto si sono precipitati per primi i vigili del fuoco, anche per isolare e mettere in sicurezza - una volta accertato che nessuno si fosse fatto male - la zona dell’appartamento danneggiata. Sono arrivati pure i poliziotti in borghese e i carabinieri del reparto territoriale guidati dal tenente colonnello Nicola Lorenzon: per tutti loro il compito di fare chiarezza. E, dopo un paio d’ore, è stato chiarito il mistero.

L’allarme scatta poco dopo le 19 di ieri. Una delle ragazze che occupano l’appartamento al secondo piano di quella palazzina (poco distante da piazza Brigata Sassari), è in casa. Ma, in quel momento, è lontana dalla camera da letto dove avviene l’esplosione. La giovane, di fronte alle porte volate via e a una parete crollata (quella che divide la stanza da un bagno), scappa via. Corre giù dalle scale, va al primo piano, chiede aiuto. E’ un miracolo che non sia rimasta ferita. (s.p.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community