calangianus

I progetti del Comune per attrarre i turisti

CALANGIANUS. Si è a lavoro per valorizzare in chiave turistica il patrimonio naturalistico di cui il territorio di Calangianus è ricco e dell’ampio bagaglio di conoscenze sulle tradizioni artigianali...

CALANGIANUS. Si è a lavoro per valorizzare in chiave turistica il patrimonio naturalistico di cui il territorio di Calangianus è ricco e dell’ampio bagaglio di conoscenze sulle tradizioni artigianali della lavorazione del sughero. Questo il progetto al quale la amministrazione comunale guidata dal sindaco Già Martino Loddo sta ideando per poter garantire ulteriori sbocchi occupazionali alle nuove generazioni.

In questa prospettiva giovedì mattina, nei saloni del Comune di via Sant’Antonio, si è tenuto un incontro fra l’assessore regionale al turismo Francesco Morandi, il sindaco Giò Martino Loddo, il vicesindaco Fabio Albieri, il capogruppo di maggioranza Antonio Brigaglia ed il delegato all’ambiente Lollo Amadori. Un incontro che è stato colto come una possibilità di un inizio di dialogo Regione – Comune per sfruttare le potenzialità del territorio comunale nel settore turistico visto che Calangianus gode di alcune perle da valorizzare. Tra queste il percorso aalle falde del monte Limbara, in parte ciclabile, realizzato sul tracciato dismesso della ex ferrovia per Monti e la strada La Trona – Li conchi, uno spettacolare percorso naturalistico sul Limbara. Francesco Morandi, che ha avanzato una proposta di legge per favorire il turismo alternativo (bici e trekking) per l’intera Sardegna si propone di contrastare lo spopolamento di alcune aree dell’isola oltre alla manutenzione di itinerari escursionistici, attraverso il censimento, il recupero e la valorizzazione degli antichi sentieri. L’assessore ha apprezzato il proggetto del comune gallurese, facendolo proprio. Antonio Brigaglia e Lollo Amadori, che riguardo a percorsi naturalistici e museo del sughero sono impegnati da tempo, sono stati incoraggiati dall’assessore a proseguire anche perché è innegabile che ciò che può offrire Calangianus è un ricco patrimonio che va valorizzato e fatto conoscere. «Soprattutto il brand sughero – è stato rimarcato di comune accordo fra amministratori ed assessore regionale –, può essere sviluppato e inserito in una rete turistica che sposta sempre più vacanzieri dalla costa all’interno seguendo percorsi culturali e naturalistici ben precisi». Gli amministratori sono rimasti colpiti anche dalla possibilità di realizzazione del progetto di valorizzazione del borgo del sughero nel centro storico. Il tutto inserito a sua volta nella rete dei borghi dell’

isola. E Calangianus, in questo circuito,può fare a buon diritto la sua bella figura. Tanti progetti, insomma, che l’assessore regionale attende di esaminare e di poter far decollare all’interno però di una valorizzazione che investe insieme più realtà, della Costa e dell’interno. (p.z.)

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli