Congresso Psd’Az, confermato Sanna

Il segretario: «Non siamo nè di destra nè di sinistra, facciamo solo alleanze programmatiche pensando al popolo sardo»

INVIATA AD ARZACHENA. Il vento sardista soffia con forza sulla Gallura. Riparte da Arzachena la missione del Psd’Az per la difesa e la valorizzazione dell’identità con i quattro mori.

Zona franca. Quirico Sanna, segretario provinciale riconfermato, rilancia un tema molto caro al partito. «Noi abbiamo fatto una proposta concreta, il punto franco – dice Sanna –. Mentre la zona franca tout court è ancora da realizzare il punto franco è legge. La politica, sorda fino a oggi, deve trovare la forza per applicarla».

No alle fusioni. Sanna prova a spiegare la differenza tra grandi coalizioni e fusioni con i partiti nazionali. Una demarcazione a cui tiene in modo particolare. «Ben venga chiunque sposi la nostra battaglia per la Gallura e la Sardegna – afferma –. Non abbiamo mai messo paletti e non abbiamo mai permesso che ne mettessero. Di certo non possiamo condividere il pensiero di qualche falso indipendentista che parla di fondersi con i partiti nazionali. Il Psd'Az può fondersi solo con il popolo sardo».

Né a destra, né a sinistra. Il segretario Sanna ribadisce. «Sia io come consigliere provinciale, sia l'amico Stefano Fancello da consigliere comunale a Olbia abbiamo sempre ribadito che il Psd'Az non è né di destra né di sinistra – sottolinea –. Il nostro è un compito diverso. Possiamo fare solo alleanze programmatiche. La nostra è una scelta di dignità. Vogliamo cercare le ragioni che ci uniscono agli altri, non quelle che ci dividono. Senza avere la puzza sotto il naso, ma tenendo sempre fede alla nostra bandiera, che qualcuno vorrebbe cambiare, ma che è e resta la nostra. Però basta dividerci, tra nord e sud della Sardegna, tra alta e bassa Gallura».

La Primavera di Gallura. Sanna spiega anche la scelta di Arzachena come sede del decimo congresso provinciale. Parla di primavera gallurese che nasce dall'amministrazione buona e trasparente della giunta di Alberto Ragnedda. A fare gli onori di casa il sindaco e il delegato all'Ambiente, Gianmario Orecchioni, tessera sardista in tasca. «La crisi per noi deve essere una opportunità – afferma Orecchioni –. Ma la strada non può essere perpetrare gli indirizzi e le scelte basate sullo sviluppo edilizio. Si deve qualificare l'offerta turistica mettendo più identità nella nostra enogastronomia, nella cultura, nelle produzioni».

Segreteria e coordinamento. Quirico Sanna segretario provinciale; Lidia Fancello vice; Alberto Contu segretario amministrativo; Sarah Gholme responsabile organizzazione; Salvatore Campus responsabile

delle politiche economiche. Nel coordinamento Pino Bassu, Flavio Cabitza, Antonio Careddu, Marco Columbano, Elisabetta Cosseddu, Pancrazio Cossu, Pierangelo Demuro, Emilio Fagnano, Lidia Fancello, Alessandra Grixoni, Salvatore Murgia, Giovanni Pigozzi, Quirico Sanna, Chicco Tirotto.

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NOVITA' E LIBRI TOP DI NARRATIVA, POESIA, SAGGI, FUMETTI

Spedizioni gratis su oltre 30 mila libri