Parcheggi a Capo Testa, il privato si difende

Santa Teresa, Linaldeddu: «La mia proposta non è speculativa, la Silene potrebbe gestire il servizio»

SANTA TERESA. La proposta di creare un nuovo parcheggio a strisce blu nell'area Sic di Capo Testa, poco distante dalla spiaggia di zia Colomba, non rappresenta un pericolo per l'ambiente. Ne è convinto il proprietario del terreno, Giuseppe Linaldeddu. La sua proposta è transitata nell’ultimo Consiglio comunale. «Non intendo fare speculazioni e tanto meno deturpare un'area protetta – spiega Linaldeddu –. L'impatto sarebbe minimo. Nel posteggio a pagamento, che potrebbe essere gestito dalla Silene, la partecipata del Comune, sosterebbero una trentina di auto. L'intervento non sarebbe invasivo. Prevede la sistemazione di una staccionata in legno per circoscrivere la zona, di un cancello d'ingresso, peraltro già esistente e la ripulitura dell'area solo con decespugliatori».

L'idea aveva sollevato alcuni malumori in paese. Sul fronte politico aveva levato gli scudi Lina Crobu, consigliere di opposizione, che rimanendo ferma sulle sue convinzioni aveva votato contro la proposta, «perché – aveva detto –, tra l'altro non risolve l'annoso problema dei parcheggi a Capo Testa». L'istituzione di un servizio di navette pubbliche, invocata da anni, resta per tutti l'unica soluzione. «Ed è proprio in attesa di questo progetto più ampio che si inserisce la mia proposta – sottolinea Linaldeddu . Lungi dal fare polemiche, ripeto, l'eventuale parcheggio a pagamento potrebbe gestirlo Silene. Ipotesi che tempo fa avanzai al sindaco, Stefano Pisciottu e al presidente

della multiservizi, Domenico Poggi». Anche se il Consiglio, a maggioranza, ha approvato la proposta della creazione del parcheggio, l'iter per ottenere il via libera anche dal Savi, il servizio della Regione Sardegna che valuta gli impatti e la sostenibilità ambientale, è lungo e complesso.

TrovaRistorante

a Olbia Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli